Testato un farmaco già in commercio per potenziare la risposta immunitaria

0
126
Testato un farmaco già in commercio per potenziare la risposta immunitaria

Un farmaco chiamato proclorperazina (PCZ), già clinicamente disponibile per il trattamento di nausea e psicosi,  aumenta  la capacità degli anticorpi , dando risposte immunitarie più efficaci.

La PCZ ha migliorato la capacità degli anticorpi di ridurre la crescita tumorale nei topi, aumentando, il raggruppamento di un recettore bersaglio di anticorpi sulla superficie delle cellule tumorali.

Possibili altre implicazioni terapeutiche

Oltre a trattare la nausea e la psicosi, la PCZ è attualmente utilizzata in studi di laboratorio come inibitore dell’endocitosi, un processo mediante il quale le sostanze vengono introdotte nella cellula.

Numerose sono le applicazioni cliniche per le quali è stato proposto l’utilizzo della PCZ incluso il controllo di infezioni virali, dell’epilessia e nella malattia renale cronica.

Per aiutare ad avvicinare questo approccio alla traduzione clinica, Fiona Simpson, ricercatrice sul cancro all’Università del Queensland e il suo team hanno recentemente sviluppato un metodo di diagnostica per immagini, volto a misurare, in modo affidabile, l’endocitosi nell’uomo. Quando hanno analizzato campioni di tumore di pazienti con carcinoma a cellule squamose, hanno scoperto che una diminuzione dell’endocitosi del recettore del fattore di crescita epidermica era associato a migliori risposte cliniche al farmaco antitumorale Cetuximab.

Fermando temporaneamente l’endocitosi dei recettori, le terapie con anticorpi monoclonali possono essere utilizzate per migliorare i risultati clinici ” , afferma Simpson.

In che modo la PCZ migliora la risposta immunitaria delle cellule tumorali?

Simpson e il suo team hanno dimostrato che la PCZ migliora la risposta immunitaria delle cellule tumorali al Cetuximab. Nei topi con cancro, una terapia di combinazione con PCZ e Cetuximab ha invertito la resistenza alla terapia con cetuximab e ha inibito la crescita tumorale più di entrambi i trattamenti considerati singolarmente.

Allo stesso modo, la terapia di combinazione con PCZ e Avelumab, un anticorpo antitumorale che inibisce una proteina chiamata PD-L1, ha inibito la crescita tumorale nei topi più di entrambi i trattamenti presi singolarmente.

Per iniziare a testare la sicurezza di questa metodologia nell’uomo, la Simpson e il suo team hanno realizzato uno studio sull’uomo, somministrando una singola dose di PCZ per via endovenosa a pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo. Le biopsie tumorali sono state eseguite prima e dopo il trattamento con PCZ.

Dopo il trattamento, le cellule tumorali apparivano più omogenee, risolvendo il problema dell’eterogeneità dei trattamenti farmacologici che caratterizza tumori scarsamente reattivi o resistenti.

La PCZ può migliorare considerevolmente il beneficio clinico degli anticorpi terapeutici.

Quali utilizzi potrebbe avere un impiego allargato della proclorperazina?

La proclorperazina è già prescritta cronicamente in alcune persone per la gestione della psicosi, e devono assumerla a vita. Tali pazienti possono mostrare una maggiore incidenza di sindrome metabolica. L’uso di tale farmaco, proposto da parte di Simpson e colleghi, è, invece, di breve durata e l’inibizione dell’endocitosi è reversibile, senza gli effetti collaterali dell’uso cronico

In una prospettiva più ampia, lo studio pone le basi per testare la PCZ negli studi clinici per il trattamento dell’epilessia , nella malattia renale o per migliorare l’efficacia degli anticorpi anti-HIV. Secondo gli autori, il farmaco potrebbe anche essere usato come medicinale in prima linea per prevenire o ridurre le infezioni da virus altamente patogeni come la dengue o l’ Ebola.


Fonte:
https://www.cell.com/cell/fulltext/S0092-8674


Caterina Lenti

Caterina Lenti

Giornalista

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui