Una proteina nel grasso addominale potrebbe incidere sul rischio di cancro?

0
311
Una proteina nel grasso addominale potrebbe incidere sul rischio di cancro?

È stato appurato che l’obesità aumenta notevolmente il rischio di cancro, ma come lo faccia effettivamente è ancora una questione che non è stata completamente spiegata.

Lo studio

Un nuovo studio della  Michigan State University offre ora nuovi dettagli che dimostrano come una certa proteina, rilasciata dal grasso nel corpo, possa trasformare una cellula sana in un tumore canceroso.

La scoperta

La ricerca ha anche scoperto che uno strato inferiore del grasso addominale, rispetto al grasso presente appena sotto la pelle, è il colpevole più probabile, perché rilascia maggior quantità di questa proteina incoraggiando la crescita del tumore.

Le considerazioni

Mentre ci sono stati diversi progressi nel trattamento del cancro e nel miglioramento della qualità della vita dei pazienti, il numero di nuovi casi continua ad aumentare”, ha dichiarato Jamie Bernard, autore principale e assistente di farmacologia e tossicologia.

È importante capire la causa in modo da poter fare un lavoro migliore per ridurre il numero di casi di cancro utilizzando modifiche dietetiche o interventi terapeutici“.

L’obesità

Si stima che più di un terzo della popolazione americana sia obesa. L’obesità è stata legata a diversi tipi di cancro, tra cui il seno, il colon, la prostata, l’utero e il rene, ma Bernard ha indicato che solo il sovrappeso non è necessariamente il modo migliore per determinare il rischio.

Il nostro studio suggerisce che l’indice di massa corporea, o BMI, potrebbe non essere il miglior indicatore“, ha detto Bernard. “È l’obesità addominale, e ancor più in particolare i livelli di una proteina chiamata fibroblast fattore di crescita 2 che può essere un indicatore migliore del rischio di sviluppare cellule cancerose“.

Gli strati di grasso nel ventre

Ci sono due strati di grasso nel ventre. Lo strato superiore, noto come grasso sottocutaneo, si trova proprio sotto la pelle e quello inferiore, chiamato grasso viscerale.

Bernard e il suo co-autore Debrup Chakraborty, uno studente post-dottorato nel suo laboratorio, hanno studiato i topi alimentati ad una dieta ad alta percentuale di grassi e hanno scoperto che lo strato di grasso viscerale ha prodotto quantità maggiori del fattore di crescita dei fibroblasti 2 o FGF2 rispetto al grasso sottocutaneo. Hanno scoperto che FGF2 stimola alcune cellule già vulnerabili alla proteina e  ha causato  la crescita di tumori.

Questo indicherebbe che il grasso può trasformare una cellula sana in una cellula tumorigenica maligna“, ha detto Bernard.

I consigli

Ha aggiunto che ci sono diversi altri fattori liberati dal grasso, compreso l’ormone estrogeno, che potrebbero influenzare il rischio di cancro, ma molti di questi studi hanno solo potuto mostrare un’associazione e non una causa diretta del cancro.

Ha anche detto che “se una persona avrà il cancro o no è determinato anche da un elemento di possibilità dovuto ad una predisposizione genetica“, ha detto Bernard. “Ma facendo scelte più intelligenti quando si tratta di dieta ed esercizio fisico ed evitando le abitudini dannose come il fumo, le persone possono sempre aiutare a far pendere l’ago della bilancia  delle probabilità a loro favore“.

Bernard ha indicato che sta già cercando di identificare nuovi composti anti-cancro nella sua ricerca che potrebbe fermare gli effetti di FGF2.

Fonti:

http://msutoday.msu.edu/news/2017/this-is-how-belly-fat-could-increase-your-cancer-risk/

https://www.nature.com/onc/journal/vaop/ncurrent/full/onc2017278a.html