Prevenire il cancro al seno prendendo di mira le proteine epigenetiche, lo studio

0
182
cancro al seno proteine epigenetiche

I ricercatori del Princess Margaret Cancer Center di Toronto hanno scoperto che le proteine epigenetiche promuovono la proliferazione delle cellule staminali delle ghiandole mammarie in risposta al progesterone dell’ormone sessuale.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Cell Biology, suggerisce che l’inibizione di queste proteine con farmaci potrebbe prevenire lo sviluppo del cancro al seno nelle donne ad alto rischio di malattia.

Le ghiandole mammarie che cellule contengono?

Le ghiandole mammarie contengono due tipi di cellule, basali e luminali, che derivano da cellule staminali o progenitrici specializzate. Durante la gravidanza o il ciclo mestruale, il progesterone induce i numeri delle cellule progenitrici basali e luminali per espandere e guidare la formazione della ghiandola mammaria. Tuttavia i progenitori delle ghiandole mammarie possono anche dare origine al cancro. L’esposizione al progesterone e la proliferazione delle cellule staminali sono state collegate allo sviluppo del cancro al seno e il numero di cellule progenitrici è spesso elevato nelle donne portatrici di mutazioni in BRCA1 o altri geni che le espongono ad un alto rischio di sviluppare la malattia.

Le cellule staminali e progenitrici sono alla base dello sviluppo del cancro, le considerazioni

Attualmente non ci sono interventi preventivi standard di cura per le donne ad alto rischio di cancro al seno, afferma il Dr. Rama Khokha, scienziato del Princess Margaret Cancer Center e professore di biofisica medica presso l’Università di Toronto. “Anche se sta diventando sempre più chiaro che le cellule staminali e progenitrici sono alla base dello sviluppo del cancro, non abbiamo strategie per colpire queste cellule per la chemioprevenzione”.

Dettagli dello studio

Per sapere di più su queste cellule progenitrici e identificare eventuali vulnerabilità che potrebbero potenzialmente essere sfruttate per prevenire lo sviluppo del cancro al seno, Khokha e colleghi hanno isolato le cellule dalle ghiandole mammarie dei topi e hanno esaminato come sono cambiate in risposta al progesterone. I ricercatori avevano precedentemente misurato tutte le molecole di RNA prodotte dalle cellule delle ghiandole mammarie. Ora hanno quantificato tutte le proteine ​​delle cellule e valutato gli epigenomi delle cellule – le varie modifiche chimiche ai cromosomi di una cellula che aiutano a determinare quali geni vengono attivati ​​e disattivati.

I risultati

Questa panoramica globale delle cellule delle ghiandole mammarie ha rivelato che, in risposta al progesterone, le cellule progenitrici – in particolare le cellule progenitrici luminali – aumentano la regolazione di molte delle proteine regolatrici epigenetiche responsabili della modifica dei cromosomi delle cellule.

“Abbiamo pensato che i farmaci che inibiscono queste proteine regolatrici epigenetiche potrebbero sopprimere la proliferazione delle cellule staminali e progenitrici in risposta al progesterone“, dice Khokha.

I ricercatori hanno testato diversi inibitori epigenetici, molti dei quali sono già approvati per l’uso nell’uomo dalla FDA. Molti di questi farmaci hanno inibito la proliferazione delle cellule progenitrici delle ghiandole mammarie e hanno ridotto il loro numero totale nei topi. Uno di questi, un farmaco chiamato decitabina che inibisce gli enzimi di metiltransferasi del DNA ed è approvato per il trattamento della sindrome mielodisplastica, ha ritardato la formazione di tumori nei roditori incline al cancro al seno.

Khokha e colleghi hanno poi testato gli effetti degli inibitori epigenetici sulle cellule progenitrici della ghiandola mammaria isolate da donne ad alto rischio di sviluppare il cancro al seno. Le cellule progenitrici di pazienti con mutazioni BRCA1 erano particolarmente vulnerabili agli inibitori epigenetici, inclusa la decitabina, che sopprimeva anche l’attività delle cellule progenitrici da pazienti con mutazioni nel gene BRCA2.

Le conclusioni

“Questo dimostra che la dipendenza delle cellule progenitrici su specifiche proteine epigenetiche è conservata tra i topi e gli umani e sottolinea il potenziale delle terapie epigenetiche di indirizzare questi importanti tipi di cellule nel seno umano come una forma di chemioprevenzione, conclude Khokha.

Trattamenti integrativi in oncologia

Recentemente è stato presentato inoltre un Position Paper “ Trattamenti integrativi in oncologia – i fattori di differenziazione cellulare come integrazione della chemioterapia dove un importante comitato scientifico si è posto l’obiettivo di studiare e valutare le innovative ricerche nell’ambito della riprogrammazione epigenetica delle cellule tumorali con i fattori di differenziazione staminale così da evitare che vengano diffuse notizie scorrette o parziali ed aiutare i colleghi universitari e clinici ad inquadrare al meglio il tema di ricerca e le sue prospettive per il futuro. (Per approfondire » http://oncovita.it/assets/position-paper_trattamenti_integrativi_oncologia.pdf).

Fonti:
http://jcb.rupress.org/content/early/2018/06/18/jcb.201804042