Metastasi: scoperto il ruolo chiave di una proteina

0
271
Metastasi: scoperto il ruolo chiave di una proteina

Nuove ricerche del The Scripps Research Institute (TSRI) hanno scoperto che i livelli di una proteina possono innescare la diffusione del cancro dando agli scienziati la possibilità di individuare i tumori prima che si metastatizzino.

La scoperta

Lo studio, pubblicato di recente nella rivista Oncogene, mostra che una proteina chiamata LTBP3 alimenta una reazione a catena che porta alcuni tumori in via di sviluppo precoce a far crescere nuovi vasi sanguigni. Queste proteine quindi agiscono come autostrade per diffondere le cellule tumorali in tutto il corpo, seminando i tumori metastatici.

Livelli inferiori di LTBP3 sembrano essere associati ad una prognosi migliore nei pazienti con determinati tipi di cancro“, dice Elena Deryugina, PhD, assistente professore al TSRI e primo autore del nuovo studio. Deryugina ha condotto lo studio collaborativo con gli autori senior James P. Quigley, PhD, un professore TSRI e Daniel Rifkin, PhD, professore alla NYU School of Medicine.

La TGF

La loro ricerca affronta una sfida di lunga data in medicina. Nel corso degli anni, una potente molecola del fattore di crescita chiamata TGF ha attirato l’attenzione di molti ricercatori sul cancro. TGF ha molteplici ruoli nelle persone sane e nelle malattie e può essere sia un promotore che un soppressore della crescita delle cellule tumorali.

Sebbene la TGF sia stata per molto tempo un allettante bersaglio per la terapia del cancro, gli scienziati non sanno ancora come smorzare i suoi effetti dannosi senza interferire con i suoi ruoli normali nel corpo.

LTBP3

Come collaboratori di lunga data, Deryugina e Quigley hanno condotto una ricerca che dimostra che i primi passi delle metastasi tumorali possono verificarsi quando un tumore primario è appena rilevabile. Questo lavoro ha suscitato il loro interesse nel ruolo di LTBP3, abbreviazione di Latent TGF Binding Protein 3. Sapevano che LTBP3 può regolare la secrezione, attivazione e maturazione della TGF, ma si chiedeva cos’altro potesse controllare.

Lo studio

I ricercatori hanno utilizzato modelli di tumore dell’embrione di pollo e un modello di roditore del tumore della testa e del collo per scoprire come l’LTBP3 fosse coinvolto nella diffusione di cellule tumorali aggressive. Hanno inibito l’espressione di LTBP3  nelle linee cellulari tumorali umane del carcinoma, carcinoma della testa e del collo e un fibrosarcoma. In ciascun modello, il team ha scoperto che senza LTBP3 le cellule tumorali primarie non potevano metastatizzare in modo efficiente.

I nostri risultati sperimentali hanno dimostrato che LTBP3 è attivo nei primi stadi della diffusione metastatica“, afferma Quigley.

In particolare, LTBP3 sembra aiutare i tumori a sviluppare nuovi vasi sanguigni in un processo chiamato angiogenesi, che è fondamentale per l’intravasazione delle cellule tumorali, cioè quando le cellule tumorali entrano nei vasi sanguigni“, aggiunge Deryugina.

Conclusioni

È importante sottolineare che i nuovi dati sono in linea con i riscontri clinici che i livelli di LTBP3 possono indicare una migliore sopravvivenza globale in pazienti oncologici con carcinomi della testa e del collo in stadio iniziale.

Presi insieme, questi risultati suggeriscono che l’LTBP3 potrebbe essere un buon target di farmaci “a monte” per trattare i tumori in stadio precoce senza influire sui ruoli più complessi del TGF in altre parti del corpo.

Fonte:

https://www.scripps.edu/news/press/2018/20180207deryugina.html

https://www.nature.com/articles/s41388-017-0075-1