Cura del cancro: fare una scelta più consapevole con una tecnica diagnostica

0
215
Screening del cancro: in che modo è influenzato dal pregiudizio inconscio

Combinare la luce infrarossa con gli ultrasuoni potrebbe consentire ai medici di visualizzare i tumori con un’accuratezza senza precedenti.

È difficile rilevare ciò che non possiamo vedere. Questa nozione universalmente riconosciuta rimane ancora oggi una delle maggiori sfide nel rilevamento, nella diagnosi e nel trattamento del cancro. Molte forme di cancro passano inosservate fino ad una fase successiva, rendendole difficili da trattare e mettendo i pazienti a maggior rischio di morte ma c’è il rovescio della medaglia: molti test esistenti forniscono troppi falsi positivi che portano ad interventi chirurgici rischiosi.

 

Non sempre prevenire è meglio che curare

Per i malati di cancro al seno, i falsi positivi e la diagnosi precoce hanno seguito questa tendenza. Un recente studio pubblicato su Annals of Surgery ha rilevato che i tassi di mastectomia profilattica controlaterale (mastectomia preventiva che prevede la rimozione di entrambi i seni) sono più che triplicati dal 2002 al 2012, in particolare tra le donne più giovani. Questi risultati sono sorprendenti considerando che solo circa un terzo delle donne nello studio indicava fattori ad alto rischio per il cancro al seno, e altre ricerche hanno dimostrato che la rimozione di un seno sano non migliora le possibilità di sopravvivenza.

I medici devono quindi raggiungere un attento equilibrio che consenta una rilevazione precoce e accurata per consentire una diagnosi precoce e precisa ai pazienti oncologici.

Una chiara immagine di un tumore e le sue caratteristiche non è ancora disponibile per i medici, ma gli scienziati stanno lavorando diligentemente per sviluppare la tecnologia per produrre un’istantanea leggibile e poco costosa. Senza una precisa comprensione sull’eventualità che un tumore sia aggressivo e che si possa diffonderere, medici e pazienti sono costretti a prendere decisioni difficili sul trattamento.

L’imaging avanzato sarà fondamentale per la diagnosi precoce e, infine, per la sopravvivenza delle donne a cui , ad esempio, sono stati diagnosticati tumori della mammella, del colon, della pelle e delle ovaie. Secondo il Centers for Disease Control, il cancro ovarico causa più morti di qualsiasi altra neoplasia del sistema riproduttivo femminile. Il carcinoma ovarico ha sintomi vaghi nella fase iniziale che gli consentono di passare facilmente inosservato. Inoltre, le ovaie sono piccole e inserite profondamente nella cavità addominale.

 

Come si individua un tumore

Ad oggi gli strumenti di diagnosi lasciano ancora un margine di  incertezza e molti pazienti considerati a rischio, in base alla storia familiare, test per la mutazione BRCA1 o BRCA2 e altri fattori, optano per la chirurgia: il numero delle operazioni è triplicato nell’ultimo decennio, in particolare tra le donne più giovani.

Gli ultrasuoni sono attualmente la tecnologia più comune utilizzata per assistere i mammografi a raggi X nell’identificazione dei tumori benigni rispetto a quelli solidi, ma gli ultrasuoni da soli possono fornire un’immagine incompleta di un tumore. Pertanto, i medici si affidano ad altri tipi di imaging e alla biopsia.

Dopo questi esami, se al paziente è diagnosticato un tumore, si prescrivono solitamente cicli di chemioterapia ma,una volta iniziato il trattamento, l’ecografia non è sufficientemente sensibile per valutare la risposta del tumore al trattamento. Gli ultrasuoni mostrano cambiamenti di morfologia del tumore che spesso si verificano dopo i cambiamenti naturali durante la chemioterapia in fase iniziale. I primi cambiamenti, tuttavia, sono fondamentali per gli oncologi per determinare se il trattamento selezionato sta funzionando o se un trattamento o un intervento chirurgico diverso può essere un’opzione migliore.

Il cancro ovarico, spesso definito “il killer silenzioso” perché i sintomi ricordano quelli dell’indigestione, viene prima rilevato tramite TAC con contrasto, risonanza magnetica con contrasto e FDG-PET. I costi elevati di questi test e l’esposizione alle radiazioni mettono i pazienti in una situazione di svantaggio fin dall’inizio.

Per capire veramente l’esordio e la gravità del cancro, i medici devono essere dotati di migliori strumenti visivi per distinguere il tessuto benigno da quello maligno.

Da qui, l’ingegnerizzazione di una migliore tecnica di imaging potrebbe  aiutare a determinare quali trattamenti siano più efficaci e potrebbe migliorare notevolmente il trattamento del cancro, in particolare per i tipi di tumore più comuni.

Per combattere meglio i tumori al seno e alle ovaie, è in corso una ricerca iniziale per sviluppare nuove tecniche di imaging con finanziamenti del National Institutes of Health.

 

La ricerca

Nel 2016, un gruppo di ingegneri e medici della Washington University di St. Louis ha cominciato a sviluppare  una tecnica basata sulle immagini che potrebbe fornire una visione più dettagliata del cancro e consentire alle donne di prendere una decisione informata per le opzioni di trattamento. Questo processo combina un ultrasuono con una luce infrarossa diffusa con componenti ottici aggiuntivi. I risultati preliminari di uno studio pilota suggeriscono che, dopo solo un paio di settimane, la tecnica può mostrare come risponde il tumore al seno di un paziente a un particolare regime chemioterapico, basato sulla quantità di attività vascolare e cambiamenti. La tecnica combinata degli infrarossi ad ultrasuoni mostra che è in grado di monitorare la risposta di un tumore alla chemioterapia, indipendentemente dai suoi marcatori genetici.

Con il cancro ovarico, i ricercatori hanno applicato principi simili combinando gli ultrasuoni con la tecnologia fotoacustica. La luce viene assorbita dal sospetto tumore e genera un leggero cambiamento di temperatura che si trasforma in onde sonore.

Le onde sonore possono essere rilevate e analizzate come marker di un tumore canceroso. Questa tecnica non è solo più sicura, ma costa molto meno degli altri processi di imaging. Il tessuto ovarico maligno ha rivelato un alto contenuto vascolare con modelli di distribuzione vascolare abbastanza diffusa mentre quello benigno ha dimostrato basso contenuto vascolare. Con una chiara comprensione del rischio e della diagnosi, l’aspettativa è che sia i pazienti che i chirurghi possano determinare meglio se sia necessario un intervento chirurgico.

Questa ricerca sembra essere molto promettente anche se basata su un piccolo gruppo di dati sui pazienti pilota.

Ricercatori e medici stanno studiando e cercando di fornire tecnologie di imaging non invasive per consentire alle donne di prendere decisioni più informate sulla chirurgia e avere una migliore qualità della vita.

 

Fonte:
Scientific American: https://blogs.scientificamerican.com/observations/a-new-way-to-see-cancer/