L’aspirina per ridurre il rischio di cancro al fegato

0
805
L'aspirina per ridurre il rischio di cancro al fegato

Uno studio svedese su pazienti affetti da epatite virale cronica ha rilevato che l’aspirina a basso dosaggio è associata ad una significativa riduzione del rischio di carcinoma epatocellulare incidente (HCC) e morte correlata a patologie del fegato.

Lo studio basato sulla popolazione svedese, ha identificato tutti gli adulti a cui era stata diagnosticata l’epatite cronica B (HBV) o C (HCV) dal 2005 al 2015 (50.275 pazienti).

Dopo quasi 8 anni ai 14.205 pazienti  (2.998 avevano HBV e 11.207 avevano HCV)  che hanno iniziato a prendere aspirina a basso dosaggio di 75 o 160 mg, è stata riscontrata un’incidenza di carcinoma epatocellulare  del 4,0%  contro l’8,3%  rispetto a quelli che non l’avevano assunta. 

Il rischio a 10 anni di sanguinamento gastrointestinale non era significativamente diverso tra gli utilizzatori e non di aspirina: rispettivamente 7,8% e 6,9% .

Alla domanda sulla prospettiva di questo studio, Augusto Villanueva Rodriguez, MD, PhD, della Icahn School of Medicine presso il Monte Sinai a New York City, che non era coinvolto nello studio, ha dichiarato che i risultati sono “una buona notizia, dal momento che non esiste un farmaco approvato per prevenire il carcinoma epatocellulare nei pazienti con epatite virale.”

Mentre altri studi osservazionali hanno suggerito un effetto protettivo dell’aspirina, “questi dati suggeriscono che ora è il momento di uno studio clinico randomizzato per vedere se l’aspirina prevenga davvero il cancro al fegato”, ha detto Ludvigsson co-autore dello studio.

Prove precliniche supportano anche il ruolo antinfiammatorio dell’aspirina nella prevenzione della progressione della malattia epatica e dell’HCC.


Fonte:
https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa1912035

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui