Il cancro può diventare una malattia cronica

0
2023
Donne e cancro: 12 campanelli d'allarme

In molti casi, il cancro non può essere curato definitivamente ma può essere trattato efficacemente. Il cancro diventa dunque, al pari di certe malattie cardiovascolari o del diabete, una malattia cronica e come tale richiede trattamenti e comportamenti specifici.

In che senso il cancro è una malattia cronica?

Una malattia cronica è una condizione patologica che dura per più di un anno, che richiede cure mediche frequenti, e che spesso limita le attività giornaliere svolte dal paziente. Gli esempi più importanti di malattie croniche sono i disturbi cardiovascolari, il diabete e il cancro. 

Ma in che senso il cancro può essere una malattia cronica? 

La risposta più semplice a questa domanda è che un cancro, efficacemente trattato, può essere controllato o addirittura bloccato per mesi o anni. 

In alcuni casi il cancro regredisce. Si possono avere due tipi di regressione:

– una regressione parziale in cui il cancro non sparisce totalmente, ma c’è almeno un 50% di riduzione della massa tumorale; 

– una regressione totale in cui tutta la massa tumorale viene completamente eliminata. Alcuni tipi di tumore hanno una tendenza ad apparire e a scomparire. Molto spesso questo ciclo di crescita, rimpicciolimento e stabilizzazione trasforma il cancro in una malattia cronica. 

Quando un tumore non cambia nel tempo, viene definito “stabile”. Quando comincia a crescere si parla di “progressione” e questo spesso implica l’assunzione di farmaci per bloccarne la crescita.

Trattare la cronicità del cancro

La cronicità del cancro può essere trattata in diversi modi e ciò dipende dal tipo di tumore, dalla zona del corpo in cui si trova, dalla salute del paziente e da altri fattori. 

La chemioterapia è una delle terapie maggiormente utilizzate: può essere somministrata regolarmente per tenere il tumore sotto controllo o saltuariamente quando la malattia riprende. 

La domanda purtroppo senza una risposta certa è: per quanto tempo il trattamento andrà avanti? La risposta dipende da vari fattori: il tipo di cancro, il tipo di trattamento, l’intervallo di tempo tra una ricrescita tumorale e l’altra, l’aggressività del tipo di cancro, l’età del paziente, le condizioni generali di salute del paziente, la tolleranza al trattamento, la risposta delle cellule tumorali al trattamento.

Come comportarsi in presenza di una malattia cronica

Ogni malattia cronica rappresenta una nuova fase nella vita di una persona: ritornare alla “normalità” non significa ritornare allo stato di salute che si aveva prima della malattia, bensì imparare a ricreare una normalità, per quanto difficile possa essere, dentro la malattia. È un convivere giornalmente con la malattia e questo è estremamente difficile. 

Nonostante ciò, possiamo cercare di fornire alcuni consigli che possono aiutare un malato oncologico cronico a convivere meglio con il proprio disagio:

·         Informarsi ed essere aggiornati su nuove terapie e servizi riguardanti la propria malattia

·         Fare uso di terapie palliative per lenire eventuali dolori

·         Riconoscere le proprie legittime paure e cercare di affrontarle (anche con l’aiuto di psicologi)

·         Non avere paura di esprimere le proprie paure a una persona cara o a qualcuno del personale sanitario in cui abbiamo fiducia

·         Godere del momento presente piuttosto che pensare a un futuro incerto o a un passato difficile (può aiutare la pratica “mindfulness”)

·         Trovare il tempo per fare ciò che ci dà gioia

·         Cercare di mantenere un’attitudine positiva (per quanto difficile sia)

·         Trovare il tempo di rilassarsi

·         Cercare di mantenere uno stile di vita attivo

·         Trovare il conforto di amici e familiari

Infine, nutrire una fede religiosa o vivere una spiritualità profonda può dare una forza e un’energia in più per affrontare una malattia cronica. Alcune persone vivono l’esperienza della convivenza con un tumore come un nuovo periodo all’interno del loro percorso di fede o di spiritualità.

Conclusioni

In poche parole, la parola chiave per il cancro come malattia cronica è la speranza. Si può trattare della speranza di guarire completamente, di prolungare la propria vita ancora per un bel po’ di tempo, o di utilizzare nel miglior modo possibile il tempo che ci resta in modo consapevole.

Fonti

https://www.cancer.org/treatment/survivorship-during-and-after-treatment/when-cancer-doesnt-go-away.html