Guida per i malati di cancro durante l’emergenza coronavirus

0
77
Guida per i malati di cancro durante l’emergenza coronavirus

Vi proponiamo la guida elaborata dal CDC statunitense (CDC sta per Centro per la Prevenzione delle Malattie ed è paragonabile al nostro Istituto Superiore di Sanità).

Questi suggerimenti sono rivolti sia i malati di cancro che ai familiari o più in generale a chi si prende cura di loro.

Malati di cancro e coronavirus

I pazienti che in questo periodo si sono sottoposti o si stanno sottoponendo a trattamenti di chemioterapia devono prestare particolare attenzione. La chemioterapia può indebolire il sistema immunitario aumentando le probabilità di contrarre un’infezione di coronavirus anche in modo grave.

I consigli principali rivolti ai malati oncologici sono:

  • Misurarsi la febbre: ogni volta che vi sentite caldi, arrossati o provate brividi di freddo è bene misurarsi subito la temperatura. Se il valore è uguale o superiore ai 37,5 – 38° C allora dovete chiamare il medico. Ricordatevi sempre di chiamare il medico e non di recarvi nel suo studio. Inoltre nel raccontare per telefono al medico tutti i vostri sintomi non dimenticate di segnalare che siete pazienti oncologici. 
  • Lavarsi spesso le mani: molte malattie si diffondono attraverso le mani, il che è particolarmente pericoloso quando si riceve un trattamento chemioterapico. Bisogna lavarsi spesso le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi. Se dovete uscire di casa munitevi di un disinfettante per le mani che contenga almeno il 60% di alcol
  • Mantenere il distanziamento sociale: evitate il più possibile il contatto ravvicinato con altre persone e se incontrate delle persone cercate di tenere almeno due metri di distanza. Evitate di uscire di casa il più possibile. Se siete costretti ad uscire di casa evitate i luoghi affollati. Cercate di farvi consegnare il cibo direttamente a casa.

ti potrebbe anche interessare

ricercatori mutazione gene

L’integratore che sostiene i pazienti oncologici durante e dopo le cure

Nuove conferme dall’Università Sapienza di Roma sull’integratore studiato per gestire gli effetti collaterali delle chemioterapie e sostenere il paziente oncologico.

Continua a leggere→


Consultatevi con il medico per predisporre una giusta scorta di medicinali

Un malato di cancro potrebbe più facilmente di altri trovarsi nella necessità di utilizzare prodotti farmaceutici. Anche in questo caso il CDC statunitense fornisce alcuni semplici ma importanti consigli:

  • Chiedete al vostro medico di aiutarvi a pianificare una scorta dei farmaci di cui potreste avere bisogno. In questo modo eviterete di uscire troppo spesso di casa, anche solo per andare in farmacia.
  • Assicuratevi di avere a casa medicinali da banco per il trattamento della febbre e di altri sintomi (anche in questo caso fatevi consigliare dal vostro medico).
  • Se avete un cancro che risponde bene ai trattamenti, confrontatevi con il vostro oncologo in merito al vostro programma di chemioterapia: sarà con lui che potrete valutare la possibilità di ritardare certi trattamenti. 

Per i parenti che convivono con un malato oncologico

Tutte le persone che convivono con un malato di cancro devono adottare misure per mantenersi in salute e per evitare di trasmettere il virus ai propri cari.

Se infatti anche solo un membro della della famiglia viene infettato da COVID-19, questo rischia di contagiare il proprio caro malato di cancro. Al fine di ridurre al minimo il rischio di contrarre l’infezione, valgono le stesse raccomandazioni dei malati oncologici:

  • Misurarsi la febbre ogni volta che non ci si sente bene;
  • Lavarsi spesso le mani;
  • Evita il più possibile i contatti sociali (ed in ogni caso mantenere una distanza di 2 metri)

ti potrebbe anche interessare

ricercatori mutazione gene

L’integratore che sostiene i pazienti oncologici durante e dopo le cure

Nuove conferme dall’Università Sapienza di Roma sull’integratore studiato per gestire gli effetti collaterali delle chemioterapie e sostenere il paziente oncologico.

Continua a leggere→


Inoltre chi convive con un malato oncologico deve prestare particolare attenzione a questi ulteriori accorgimenti utili ad evitare di trasmettere l’infezione:

  • Coprirsi bocca e naso con un fazzoletto o con il gomito ogni volta che si tossisce o starnutisce
  • Pulire e disinfettare tutti gli oggetti e le superfici della casa che si toccano con maggior frequenza (ad esempio tavoli, maniglie delle porte, interruttori della luce, telefoni, servizi igienici e rubinetti)

Pianificare in anticipo come riorganizzarsi nel caso in cui un familiare si ammali di COVID-19

Se un famigliare di un malato oncologico si ammala dovrà isolarsi in una stanza ed evitare contatti con il malato di tumore. Se possibile dovrebbe utilizzare un bagno separato e dovrebbe evitare di condividere oggetti personali come ad esempio piatti, bicchieri e posate. 

Inoltre se il malato oncologico necessita di periodica assistenza ed in casa si convive in due è necessario attivarsi per trovare una persona che sostituisca il parente malato. Per evitare di trovarsi impreparati in tale evenienza si consiglia di attivarsi fin da subito per identificare qualcuno che possa aiutare nel caso in cui ci si trovi in tale condizione.


Fonti:

CDC – Division of Cancer Prevention and Control, Centers for Disease Control and Prevention

https://www.cdc.gov/cancer/survivors/staying-well-at-home.htm?deliveryName=USCDC_9_13-DM24142