Screening del cancro: in che modo è influenzato dal pregiudizio inconscio

Screening del cancro: in che modo è influenzato dal pregiudizio inconscio
Tempo di lettura: 3 minuti

Cosa hanno in comune gli attacchi di squalo, la lotteria e lo screening del cancro ovarico? Sembra che i nostri giudizi su queste cose sono tutti influenzati da pregiudizi inconsci.

Il pregiudizio della disponibilità: ecco di cosa si tratta

Gli esseri umani sono inclini a sopravvalutare la probabilità di eventi estremi. Probabilmente la colpa è da dare al pregiudizio della disponibilità – cioè la tendenza a giudicare la frequenza di un evento da quanto sia facile richiamare esempi dalla memoria.

Poiché hai visto “Lo squalo” e hai fantasticato su cosa avresti fatto con il jackpot di qualche lotteria è facile ottenere rappresentazioni vivide ed emotive di questi eventi. La disponibilità di questi eventi nella tua mente eclissa la realtà molto più comune, molto più banale, e quindi 1-in-292,201,338 possibilità di vincere alla lotteria, e anche tra i bagnanti, la possibilità di essere attaccati da uno squalo è di circa 1-in -11.500.000.

Tuttavia, il bias della disponibilità ti fa sopravvalutare la probabilità di ciascuno.

Come il bias della disponibilità è collegato allo screening del cancro, il sondaggio

Uno studio pubblicato sul Journal of Women’s Health mostra che il bias della disponibilità potrebbe corrispondere alle raccomandazioni di screening del cancro di un medico. I risultati del sondaggio di 497 medici di base mostrano che i medici che hanno avuto il cancro o che hanno avuto un cancro con un familiare, un amico intimo o un collega, hanno il 17% di probabilità in più rispetto ai medici senza esperienza di cancro personale di agire contro linee guida stabilite per raccomandare che le donne a basso rischio ricevano lo screening del cancro ovarico.

Le considerazioni

“La maggior parte dei medici si sente piuttosto a proprio agio all’idea che la sua esperienza personale possa avere un impatto positivo sulla pratica. Questo perché le esperienze personali possono avere un impatto sulla pratica in vari modi “, afferma Margaret Ragland, specialista in terapia intensiva polmonare presso l’Università della CUHealth dell’Ospedale Colorado in Aurora.

Lo screening per il cancro

Le linee guida per lo screening sono progettate per fare il massimo mentre causano il minimo danno. Nel caso del cancro, questo significa selezionare i pazienti che hanno maggiori possibilità di nascondere un cancro pericoloso in una fase trattabile. Lo screening di routine salva la vita dei pazienti ad alto rischio. Tuttavia per i pazienti a basso rischio, il costo e la probabilità che i risultati falsi positivi portino ad ‘ansia o a trattamenti non necessari superano la minuscola possibilità di trovare un cancro pericoloso e curabile. In altre parole, per una popolazione di pazienti a basso rischio, il danno supera il bene.

“Alcune persone potrebbero pensare, qual è il danno nel fare test che non è indicato? Avrò un test negativo e farà sentire meglio il mio paziente. Ma se trovi qualcosa, può portare a ulteriori follow-up, causando complicazioni, costi e ansia“, dice Ragland.

Lo screening per il carcinoma ovarico non è raccomandato a tutte

Questo è il motivo per cui, per le donne a rischio medio, lo screening per il carcinoma ovarico non è raccomandato. Eppure, quando si presentava una vignetta che descriveva una donna a rischio medio, il 31,8% dei medici di base che avevano esperienza personale di cancro scelse di offrire questo screening. In confronto, solo il 14% dei medici senza esperienza personale sul cancro offriva screening.

I risultati provengono da un’indagine finanziata dal Centers for Disease Control (CDC) e gestita dall’autrice senior dello studio Laura-Mae Baldwin, MD, professore universitario di Medicina familiare di Washington. L’indagine ha raccolto le risposte di 3.200 medici scelti a caso che forniscono cure primarie alle donne, con l’obiettivo di scoprire le caratteristiche dei fornitori che potrebbero essere maggiormente a rischio di raccomandare cure in conflitto con le linee guida. L’obiettivo di Baldwin è quello di identificare ed educare questi medici potenzialmente non conformi per garantire che i pazienti ricevano in modo più uniforme la migliore assistenza possibile.

Le conclusioni

“Le ragioni per cui i medici con esperienza personale sul cancro potrebbero essere più propensi a non seguire le linee guida per lo screening sono complicate e non conosciamo tutte le risposte“, spiega Ragland.

“Ma la mia ipotesi è che l’esperienza personale di un medico possa influenzare la loro valutazione del rischio. Vedi un paziente di fronte a te e potresti valutare il rischio più alto di quanto sia in realtà“.

Quando l’esperienza personale del cancro di un medico rende l’orrore della malattia più disponibile nella sua mente, il medico può sopravvalutare il rischio di cancro di un paziente e sovra-prescrivere lo screening non necessario.

“Siamo medici, ma abbiamo anche esperienze di vita”, dice Ragland. “Ciò che questo studio ci dice è che, nel nostro modo di non essere consapevoli, nel bene e nel male, la nostra esperienza personale potrebbe influenzare la nostra pratica”.

Fonti:

http://www.coloradocancerblogs.org/like-shark-attack-and-the-lottery-unconscious-bias-influences-cancer-screening/

https://www.liebertpub.com/doi/10.1089/jwh.2018.6947