Lo studio del virus Epstein- Barr ha evidenziato un legame con il cancro

Lo studio del virus Epstein- Barr ha evidenziato un legame con il cancro
Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo un’infezione con il virus Epstein-Barr (EBV), il virus persiste nel corpo durante la vita di una persona, di solito senza causare alcun sintomo. In circa  un terzo degli adolescenti infetti e dei giovani adulti però si sviluppa la mononucleosi infettiva, nota anche come febbre ghiandolare o malattia del bacio, che di solito svanisce dopo poche settimane. In rari casi, tuttavia, il virus provoca il cancro, linfomi e tumori dello stomaco e rinofaringei. 

Gli scienziati hanno cercato a lungo di chiarire in che modo i virus riprogrammano le cellule diventando cellule tumorali. “Il contributo dell’infezione virale allo sviluppo del cancro in pazienti con un sistema immunitario indebolito è ben compreso“, afferma Henri-Jacques Delecluse, ricercatore oncologico presso il Centro tedesco per la ricerca sul cancro (Deutsches Krebsforschorsszentrum, DKFZ) di Heidelberg. “Ma nella maggior parte dei casi, non è chiaro come un’infezione da EBV porti allo sviluppo del cancro“.

 

Il nuovo studio

Nella loro presente pubblicazione, Delecluse, in collaborazione con Ingrid Hoffmann, anch’essa del DKFZ, e i loro rispettivi gruppi presentano una nuova e sorprendente spiegazione per questo fenomeno. Gli scienziati hanno dimostrato per la prima volta che un componente proteico del virus stesso promuove lo sviluppo del cancro.

Quando una cellula di divisione entra in contatto con i virus di Epstein-Barr, una proteina virale presente nella particella infettiva chiamata BNRF1 porta frequentemente alla formazione di un numero eccessivo di centrosomi (l‘organo della cellula deputato nella formazione e costruzione del fuso mitotico microtubulare, associato alla separazione dei cromosomi nelle due cellule figlie durante la divisione cellulare ). Di conseguenza, i cromosomi non sono più divisi equamente e accuratamente tra le due cellule figlie – un noto e riconosciuto fattore di rischio di cancro. Al contrario, i virus Epstein-Barr che erano stati resi carenti di BNRF1 non interferivano con la distribuzione dei cromosomi alle cellule figlie.

 

Il virus Epstein-Barr

L’EBV, un membro della famiglia del virus dell’herpes, infetta le cellule B del sistema immunitario. I virus normalmente rimangono silenti in alcune cellule infette, ma occasionalmente si riattivano producendo una progenie virale che infetta le cellule vicine. Di conseguenza, queste cellule entrano in stretto contatto con la proteina virale nociva BNRF1, con un rischio maggiore di trasformarsi in cellule cancerose.

La novità del nostro lavoro è che abbiamo scoperto un componente della particella virale come autista del cancro“, ha detto Delecluse. “Tutti i virus tumorali umani che sono stati studiati finora causano il cancro in un modo completamente diverso. Di solito, il materiale genetico dei virus deve essere permanentemente presente nella cellula infetta, causando così l’attivazione di uno o più geni virali che causano lo sviluppo del cancro. Tuttavia, questi prodotti genetici non sono presenti nella particella infettiva stessa. “

Delecluse e i suoi colleghi quindi sospettano che l’EBV potrebbe causare lo sviluppo di ulteriori tumori. Questi tumori potrebbero non essere stati precedentemente collegati al virus perché non portano il materiale genetico virale.

Per Delecluse, la conseguenza che segue dai suoi risultati è immediata: “Dobbiamo portare avanti lo sviluppo di un vaccino contro l’infezione da EBV. Questa sarebbe la strategia più diretta per prevenire un’infezione da virus. I nostri ultimi risultati mostrano che la prima infezione potrebbe già creare un rischio di cancro e questo si adatta a lavori precedenti che hanno mostrato un aumento dell’incidenza del linfoma di Hodgkin in persone sottoposte a un episodio di mononucleosi infettiva. “

 

Un nuovo vaccino

Gli esperti stimano che un vaccino EBV potrebbe prevenire il 2% di tutti i casi di cancro in tutto il mondo. Delecluse e il suo gruppo hanno già sviluppato un prototipo di vaccino nel 2005. Si basa sulle cosiddette “particelle simili a virus”, o VLP. Questi sono gusci vuoti di virus che imitano una particella infettiva di EBV, spingendo così il corpo a dare una risposta immunitaria.

Fonte
http://www.dkfz.de/en/presse/pressemitteilungen/2017/dkfz-pm-17-07-Epstein-Barr-virus-and-cancer-new-tricks-from-an-old-dog.php
https://www.nature.com/articles/ncomms14257