Interrompere la comunicazione tra le cellule per bloccare il cancro

Interrompere la comunicazione tra le cellule per bloccare il cancro
Tempo di lettura: 2 minuti

I ricercatori hanno individuato un gene che influenza la comunicazione cellula-cellula che porta allo sviluppo del cancro 

Come si diffonde il cancro?

Mentre studiava le cellule tumorali del cervello umano, un gruppo di scienziati dell’Istituto di ricerca del McGill University Health Center (RI-MUHC) ha trovato alcune risposte a questa domanda cruciale finora senza risposta.

Hanno esaminato un gene chiamato EGFRvIII, che è presente nei pazienti con glioblastoma, una forma altamente aggressiva di cancro al cervello che si diffonde rapidamente e che è difficile da trattare.

In questo studio, il Dr. Rak e il suo team hanno esplorato come i geni che causano il cancro – noti anche come oncogeni,come l’ EGFRvIII, cambiano il contenuto dei messaggi scambiati tra le cellule. Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista Molecular & Cellular Proteomics.

Le cellule tumorali ci attaccano in” bande, ma per lavorare in modo efficace insieme, devono comunicare“, dice l’autore principale, il dott. Janusz Rak, uno scienziato senior nel Programma di salute e sviluppo del bambino del RI-MUHC e un professore in il Dipartimento di Pediatria, Divisione di Medicina Sperimentale presso la McGill University.

Un modo in cui possono farlo è attraverso piccole strutture simili a bolle chiamate vescicole extracellulari (EV) o esosomi, gli EV sono pieni di proteine ​​attive che funzionano come messaggi trasportati da una cellula all’altra“.

 

I geni che che formano le cellule “parlano  lingue diverse”

Il Dr. Rak e il suo team hanno scoperto che l’EGFRvIII oncogene che scatena il cancro parla alle cellule con ” una lingua diversa”.

Le proteine ​​negli EV possono cambiare il comportamento delle cellule, ad esempio possono farle invadere o metastatizzare i tessuti. Queste proteine vengono interpretate differentemente a seconda delle cellule e questa è una parte importante di ciò che il cancro è davvero “, spiega il dottor Rak, che ha studiato il meccanismo di diffusione del cancro per più di 20 anni.

La cosa sorprendente è che un singolo gene che causa il cancro, EGFRvII, può cambiare centinaia di proteine ​​presenti nei veicoli elettrici, alterando completamente i messaggi che queste cellule trasmettono l’una all’altra“, aggiunge.

 

Blocco della comunicazione cellula-cellula per combattere il cancro

Questa ricerca è molto promettente per gli scienziati alla ricerca di modi per fermare la diffusione del cancro: la via potrebbe essere quella di  bloccare i messaggi tra le cellule tumorali.

Il nostro lavoro suggerisce anche che diversi oncogeni possono avere effetti diversi sulla comunicazione cellula-cellula, sul tipo e sul contenuto degli EV che le cellule cancerogene rilasciano o ricevono. Abbiamo bisogno di sapere come questo funzioni per sviluppare terapie future”, afferma Dr Dongsic Choi, primo autore dello studio e ricercatore nel laboratorio del Dr. Rak che ha condotto lo studio utilizzando un nuovo strumento grazie alla Montreal Children’s Hospital Foundation.

Gli EV, che possono essere rilevati in campioni di sangue, vengono già utilizzati per diagnosticare i tumori. Le proteine ​​associate all’EV scoperte dal team del Dr. Rak potrebbero essere utilizzate per sviluppare test e trattamenti personalizzati per i pazienti con glioblastoma.

Glioblastoma multiforme, detto anche glioblastoma, è prevalente negli adulti tra i 45 ei 70 anni e presenta uno dei più bassi tassi di sopravvivenza. A circa 1.000 canadesi viene diagnosticato ogni anno e solo il 4% di questi pazienti sopravvive per almeno 5 anni. Le cause esatte del glioblastoma sono ancora sconosciute.

Il precedente lavoro del Dr. Rak sugli EV derivati ​​dal cancro è stato riconosciuto dalla rivista Québec Science come la scoperta scientifica dell’anno nel 2008.

 

Fonti
https://muhc.ca/newsroom/news/how-does-cancer-spread
http://www.mcponline.org/content/17/10/1948
77 Condivisioni