Immunoterapia: arma contro i tumori

Immunoterapia: arma contro i tumori
Tempo di lettura: 2 minuti

L’immunoterapia potrà essere in grado, tra circa 30 anni, di combattere tutti i tipi di cancro.

Questa è la conclusione alla quale sono arrivati i due premi Nobel per la medicina Tasuku e James P. Allison.

Immunoterapia contro i tumori

Nel 2050 infatti tutte le forme di tumore potranno essere sconfitte utilizzando le difese del sistema immunitario come armi contro le cellule tumorali, come spiegano i due premi Nobel.

Spiegano inoltre che, come riporta l’ANSA, nel caso non si riuscissero ad eliminare tutti i tumori, si potrebbero bloccare impedendo loro di continuare a crescere.

Le ricerche dei due premi Nobel

Il primo incontro tra i due pionieri dell’immunoterapia è avvenuto in Texas nel 1982 e da allora le ricerche sono andate avanti in modo complementare.

Nonostante lavorassero separatamente, la ricerca è stata focalizzata su temi identici:  la ricerca delle proteine utilizzate dai tumori per ingannare il sistema immunitario e continuare a crescere indisturbati.

Le scoperte delle proteine

All’inizio degli anni Novanta Allison ha scoperto la prima proteina chiamata CTLA-4, che funge da bersaglio dei tumori.

Nello stesso periodo è arrivata anche la scoperta di Tasuku con un’altra proteina, la PD1.

Immunoterapia: un campo promettente per sconfiggere i tumori

L’immunoterapia risulta essere dunque la quarta arma contro i tumori dopo la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia.

Si tratta, dunque, di un campo molto promettente.

Fonte:
http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/biotech/2018/12/06/nobel-medicina-limmunoterapia-battera-i-tumori-entro-il-2050_3e46742b-5f4f-4535-acda-2bd011a97aa9.html

Credit photo:Background image created by Kjpargeter – Freepik.com