Ecco come i virus possono causare l’insorgenza del cancro

Ecco come i virus possono causare l’insorgenza del cancro
Tempo di lettura: 3 minuti

Non è una novità che i virus causino il cancro. Ad esempio, il papillomavirus umano (HPV) è la causa principale dell’insorgenza del cancro alla cervice uterina.

Virus, sistema immunitario e cancro: il legame

I virus sono in grado di aumentare la proliferazione cellulare per supportare la propria riproduzione e sopravvivenza;  come è noto, l’aumentata proliferazione cellulare è uno dei fattori portanti dell’insorgenza del cancro.

Una recente review pubblicata dal Cancer Center dell’Università del Colorado (CU), pubblicato sulla rivista ‘Viruses’, evidenza un’altra strategia che i virus usano per assicurarsi la sopravvivenza, che ha inoltre l’effetto collaterale di promuovere la carcinogenesi, ossia la capacità di trasformare le cellule normali in cellule cancerose. Questa nuova conoscenza potrebbe aiutare ad aumentare l’efficacia delle terapie immunologiche che stimolano la risposta immunitaria umana contro il cancro.

Lo studio

La dott.sa Sharon Kuss-Duerkop, ricercatrice al CU Cancer Center ha affermato che il virus sopprime il sistema immunitario per il suo stesso beneficio, mentre, il fatto che promuova la formazione e la proliferazione delle cellule cancerose potrebbe essere solo un effetto collaterale della sua strategia di sopravvivenza.

È  interessante notare come lo studio sottolinei che, nonostante i virus abbiano la capacità di modificare il genoma umano, inserendo il loro stesso codice genetico nel DNA per poter sopravvivere, non utilizzino solamente questa capacità per “spegnere” il sistema immunitario; i virus infatti mutano il sistema immunitario avvalendosi della modifica della regolazione epigenetica (come installare o riprogrammare le funzionalità dei tessuti e degli organi):  invece di alterare il corredo genico, i virus cambiano la modalità in cui i geni vengono espressi.

Per fare questo, i virus si avvalgono di un processo chiamato metilazione, che, detto in parole semplici, permette di ‘saltare’ la lettura del gene metilato che quindi non potrà essere espresso. In questo caso, i virus causano la metilazione di parti del genoma, immaginiamo degli interruttori ‘acceso-spento’: quando una regione viene metilata, l’interruttore viene posizionato su ‘spento’ e il gene che viene controllato da quella regione non può essere letto e quindi espresso.

La dott.sa Kuss-Duerkop ha inoltre aggiunto “quello che si ottiene è una mancanza di accesso alle aree  che inducono la trascrizione”. In altre parole, metilando le regioni promotrici del DNA, i virus possono ‘spegnere’ i geni. I virus sfruttano le proteine umane per metilare il DNA e spegnere diversi siti importanti sul DNA umano.

Usare il sistema immune per combattere il cancro

Per combattere i virus che causano il tumore e la loro capacità di abbattere il sistema immunitario, medici e ricercatori vorrebbero reclutare il sistema immune per attaccare il cancro. I virus sopprimono il sistema immune che ha una funzione di barriera contro i tumori e quindi i medici vorrebbero regolare il sistema immunitario per combattere queste stesse forme di cancro.

Infatti, sfruttando questo concetto, medici e ricercatori stanno avendo un enorme successo nel combattere il cancro. Ad esempio, gli inibitori di PD-1, eliminano questo ‘velo’ che i tumori utilizzano per nascondersi dal sistema immune; mentre le terapie basate su CAR-T cells permettono il riconoscimento di specifiche proteine tumorali e quindi l’eliminazione dello stesso.

Nonostante gli avanzamenti tecnologici, ci sono ancora diverse sfide che devono essere superate dalle terapie immunologiche contro il cancro. Ad esempio, non tutti i pazienti rispondono allo stesso modo a queste terapie, mentre alcuni di essi non hanno nessun tipo di risposta. È possibile che i segreti per aumentare l’efficacia delle terapie immunologiche o almeno per decidere quali pazienti possano beneficiare di esse, siano celate nelle modalità in cui i virus, e gli stessi tumori, si sono evoluti per evadere il sistema immune.

È possibile quindi che la soluzione per aumentare l’efficacia delle terapie immunologiche contro il cancro originato dalla metilazione del DNA causata dall’azione del virus, sia proprio la de-metilazione di questi geni soppressi.

A questo proposito la dott. Kuss-Duerkop ha detto “lo scopo non è di eliminare la metilazione a livello globale, ma di de-metilare selettivamente alcuni promotori in modo tale da riattivare il sistema immunitario che era stato mutato da virus che hanno stimolato la formazione del cancro. Questi virus causano la formazione dei tumori e inoltre manipolano il sistema immune in modo tale che permetta la crescita tumorale. Ma, questi stessi meccanismi potrebbero essere quelli che le nuove terapie immunologiche possono sfruttare per combattere il cancro oppure prevenire la formazione dello stesso.

Fonti:
http://www.coloradocancerblogs.org/heres-viruses-inactivate-immune-system-causing-cancer/
http://www.mdpi.com/1999-4915/10/2/82

Credit photo:Medical image created by Kjpargeter – Freepik.com

124 Condivisioni