Cancro della tiroide negli uomini legati a rischi cardiaci

Cancro della tiroide negli uomini legati a rischi cardiaci
Tempo di lettura: 3 minuti

Gli uomini con una storia di cancro alla tiroide hanno quasi il 50% di rischio più elevato di malattie cardiovascolari (CVD) rispetto alle donne.

Ecco ciò che è emerso dallo studio pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

Cancro alla tiroide e malattia cardiovascolari, lo studio

Tra una grande coorte di sopravvissuti al cancro della tiroide, il rischio di sviluppare CVD era significativamente più alto negli uomini rispetto alle donne, ha riferito Jihye Park, dell’Huntsman Cancer Institute di Salt Lake City, insieme ai suoi colleghi.

Non sorprendentemente, i sopravvissuti al cancro alla tiroide che erano in sovrappeso o obesi avevano anche un rischio significativamente più alto di CVD, aggiunge il team.

Monitoraggio continuo per chi ha avuto il cancro alla tiroide, le considerazioni

“I nostri risultati suggeriscono che i sopravvissuti al cancro alla tiroide dovrebbero essere continuamente monitorati e sottoposti a screening per CVD sia per la diagnosi precoce che per una migliore cura preventiva, ha raccomandato l’autore dello studio, Mia Hashibe, di Huntsman.

Gli altri fattori collegati ad un maggiore rischio di CVD

Lo studio ha anche rilevato i seguenti altri fattori clinici da associare a un aumentato rischio di CVD tra i sopravvissuti al cancro della tiroide:

  • Qualsiasi comorbilità  (presenza o l’insorgenza di un’entità patologica accessoria)
  • Metastasi a distanza rispetto al carcinoma localizzato: HR 1,35 (IC 95% 1,03-1,77)
  • Aver ricevuto terapia di soppressione dell’ormone stimolante la tiroide.

Anche l’età sembra predire il rischio CVD futuro, con sopravvissuti anziani del cancro alla tiroide che mostravano un rischio cardiaco associato più elevato rispetto ai pazienti sotto i 40 anni al momento della diagnosi del cancro.

Dettagli dello studio

L’analisi ha incluso un totale di 3.822 pazienti del database della popolazione Utah che presentavano un cancro alla tiroide – quasi il 92% dei quali aveva il tipo di carcinoma papillare. Quasi tutti i pazienti sono stati sottoposti a trattamento chirurgico, tra cui tiroidectomia o lobectomia tiroidea, mentre quasi il 53% ha ricevuto anche un trattamento con iodio radioattivo (RAI) adiuvante dopo l’intervento chirurgico.

Lo sviluppo di CVD, che è stato stratificato per 1-5 anni, 5-10 anni e oltre 10 anni dopo la diagnosi del cancro, è stato definito come:

  • malattia cardiaca;
  • ipertensione;
  • malattia cerebrovascolare;
  • malattia delle arterie, delle arteriole e dei capillari;
  • malattia delle vene e dei vasi linfatici.

I risultati e le considerazioni

Quasi la metà dei pazienti ha avuto almeno un disturbo cardiaco o vascolare nei primi 1-5 anni dopo la diagnosi di cancro alla tiroide.

All’interno di questi primi anni, sono deceduti significativamente più sopravvissuti al cancro con CVD rispetto a quelli che non hanno sviluppato CVD.

Sebbene non ci siano state differenze notevoli riguardo alle caratteristiche del cancro tra i pazienti che hanno sviluppato CVD e quelli che non lo hanno fatto, più pazienti che hanno ricevuto una diagnosi di cancro nel 2005-2009 ha sviluppato CVD rispetto a quelli diagnosticati nel 1997-1999.

“Una possibile spiegazione per queste associazioni potrebbe essere la percentuale crescente di pazienti sottoposti a soppressione del TSH e radioterapia nel corso degli anni a causa di cambiamenti nelle strategie di trattamento”, hanno ipotizzato i ricercatori, aggiungendo che studi futuri dovrebbero studiare i cambiamenti della pratica clinica e il possibile impatto su condizioni cardiache e circolatorie a lungo termine nei pazienti con cancro della tiroide.

Per quanto riguarda il tipo di trattamento del cancro, il gruppo ha trovato un’associazione marginale tra il rischio di malattia cerebrovascolare con trattamento ricevente RAI rispetto a quelli sottoposti solo a trattamento chirurgico.

“Questa associazione è biologicamente plausibile in quanto le arterie carotidi si trovano immediatamente adiacenti alla ghiandola tiroidea e l’ispessimento intimale dell’arteria carotide è stato riportato in seguito alla RAI per malattia benigna”.

Le conclusioni

Per una migliore qualità della vita tra i sopravvissuti al cancro della tiroide, è necessaria una ricerca futura per dimostrare gli effetti a lungo termine sulla salute dopo la diagnosi del cancro, non solo per fornire un intervento clinico individualizzato ma anche per prevenire il rischio di condizioni fatali”, hanno concluso i ricercatori.

Fonte:
https://academic.oup.com/jcem/article/103/7/2468/5005948

Credit photo: Technology image created by Peoplecreations – Freepik.com