Cancro del fegato: combatterlo con farmaci che danno meno effetti collaterali

Cancro del fegato: combatterlo con farmaci che danno meno effetti collaterali
Tempo di lettura: 4 minuti

I ricercatori hanno sviluppato un nuovo farmaco chiamato FFW che potrebbe potenzialmente arrestare lo sviluppo del carcinoma epatocellulare (HCC) o del carcinoma epatico primario.

La scoperta apre la porta a trattamenti più efficaci con minori effetti collaterali.

HCC: il cancro del fegato seconda causa di decessi per cancro al mondo

L’HCC è un cancro del fegato a crescita rapida, e chi ne soffre sopravvive in genere 11 mesi dopo la diagnosi. L’HCC rappresenta oltre il 90% di tutti i tumori del fegato e pone un grave problema di salute pubblica nella regione Asia-Pacifico.

Il trattamento di prima linea principale per HCC è il farmaco Sorafenib, che ha effetti collaterali avversi e prolunga la sopravvivenza per soli tre mesi. La mancanza di alternative terapeutiche efficaci, insieme alla scoperta tardiva, ha portato l’HCC a diventare la seconda causa di decessi per cancro in tutto il mondo.

Lo studio della proteina correlata alla crescita del tumore

I ricercatori hanno ampiamente studiato SALL4 – una proteina correlata alla crescita del tumore – come marker di prognosi e target di farmaci per HCC e altri tumori come il cancro del polmone e la leucemia. Di solito è presente nel feto in crescita ma inattivo nel tessuto adulto. In alcuni tipi di cancro, come l’HCC, SALL4 si riattiva, portando alla crescita dei tumori. Tuttavia, SALL4 è stato precedentemente classificato come “obiettivo non gestibile”.

Proprietà anti-tumore, i dettagli della ricerca

Le molecole di farmaci che agiscono sulle interazioni proteiche come SALL4-NuRD spesso richiedono che le proteine bersaglio abbiano una piccola “tasca” nella loro struttura 3D in cui la molecola del farmaco può risiedere e avere effetto.

“Nella nostra ricerca precedente, abbiamo scoperto che la proteina SALL4 funziona con un’altra proteina, NuRD, per formare una partnership cruciale per lo sviluppo di tumori come l’HCC. Invece di cercare “tasche” su SALL4, il nostro team di ricerca ha progettato una biomolecola per bloccare l’interazione tra SALL4 e NuRD. Nei nostri esperimenti di laboratorio, il blocco di questa interazione ha portato alla morte delle cellule tumorali e al ridotto movimento delle cellule tumorali “, afferma Daniel Tenen, direttore del Cancer Science Institute di Singapore presso la National University of Singapore.

Le implicazioni per la salute e altre scoperte

“Questa interessante scoperta ha importanti implicazioni per il trattamento dell’HCC”, afferma. “Il nostro lavoro potrebbe anche essere vantaggioso per una vasta gamma di tumori solidi e neoplasie leucemiche con elevato SALL4.”

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che FFW utilizzato in combinazione con Sorafenib può ridurre la crescita di HCC resistente a Sorafenib.

Mentre le terapie più mirate sono farmaci a piccole molecole, un farmaco peptidico ben progettato come FFW, tende a possedere una selettività più elevata su superfici leganti di grandi dimensioni con un profilo di tossicità più sicuro rispetto alle piccole molecole.

“Sulla base delle informazioni ottenute dall’espressione genica strutturale e globale, stiamo continuando il nostro lavoro su questo peptide e altri peptidi con strutture simili, con l’obiettivo di essere in grado di trasformarli in farmaci di grado clinico a beneficio dei pazienti” dice Liu Bee Hui, ricercatrice presso il Cancer Science Institute di Singapore.

Il nuovo approccio e gli obiettivi

Il targeting dell’interazione SALL4-NuRD come bersaglio specifico per cellule tumorali rappresenta una strada interessante per lo sviluppo di opzioni terapeutiche.

“Un bersaglio oncologico ideale dovrebbe essere specifico per il cancro e non tossico per i tessuti normali. A tal fine, stiamo collaborando per trovare un collegamento mancante che possa curare il cancro e ripristinare la normale funzione cellulare“, spiega Li Chai, professore associato presso Brigham e Women’s Hospital presso la Harvard Medical School.

Il team di ricerca ha utilizzato un approccio integrato, combinato con tecniche di analisi strutturale, per agire su interazioni proteiche come SALL4-NuRD. Lo sforzo collaborativo ha portato alla progettazione del peptide FFW, che è una piccola catena di aminoacidi che può interferire con le interazioni SALL4-NuRD. FFW potrebbe bloccare efficacemente l’enorme superficie di interazione proteina-proteina e non richiede una “tasca” per avere effetto.

Nel futuro

“Nell’ultimo lavoro, il team di ricerca ha anche dimostrato una strategia efficace per indirizzare accuratamente gli oncogeni precedentemente considerati irraggiungibili. Andando avanti, speriamo di indagare su come il targeting di queste interazioni proteiche potrebbe esplodere in altri tipi di cancro“, dice Tenen.

E in Italia?

Nel trattamento del tumore al fegato è inoltre in corso un innovativo studio clinico tutto italiano dell’Humanitas Clinical and Research Hospital IRCCS di Milano che sta  approfondendo gli effetti di Synchro Levels, un integratore prodotto da una start up italiana.

“Dopo numerose osservazioni dirette sul campo, abbiamo deciso di approfondire con un trial clinico randomizzato per analizzare il ruolo del Synchro Levels nel migliorare lo stato di salute generale dei pazienti sottoposti a intervento chirurgico di resezione epatica per neoplasie primitive” spiega il dott. Matteo Donadon, coordinatore dello studio.

Lo studio su tale integratore è mirato sui malati operabili affetti da tumore del fegato, che sono reclutati da marzo 2018.

Chi fosse interessato a saperne di più o a richiedere di far parte dello studio clinico può scrivere ai seguenti contatti:

Dr. Matteo Donadon: matteo.donadon@hunimed.eu

Aurora Biosearch: info@aurorabiosearch.com

Fonti:
http://www.pnas.org/content/115/30/E7119
http://news.nus.edu.sg/press-releases/develop-novel-drug-liver-cancer

Credit foto: NUS News

Didascalia foto: Il professor Daniel Tenen (a destra) e la dottoressa Liu Bee Hui (a sinistra), ricercatori del CSI di Singapore, sono membri del gruppo di ricerca che ha sviluppato un nuovo farmaco peptidico potenzialmente in grado di trattare il cancro del fegato in modo più efficace.