Cancro al seno: studi sulla durata della radioterapia

Cancro al seno: studi sulla durata della radioterapia

È più efficace un trattamento più breve con radiazioni a dosi più elevate o un trattamento più lungo ma con radiazioni più basse? 

Volevamo fare uno studio per vedere se fosse possibile abbreviare il trattamento standard“, ha dichiarato l’autore di un recente studio,Timothy Whelan, professore di oncologia alla McMaster University e oncologo radioterapico della Hamilton Health Sciences. 

L’irradiazione parziale accelerata del seno (APBI) vede dosi più elevate di radiazioni erogate a parti del seno colpite dal cancro. Questo trattamento si svolge in una settimana o meno, riducendo ulteriormente la durata del trattamento standard che solitamente dura tre- cinque settimane.

Lo studio

Lo studio randomizzato controllato, chiamato RAPID, si è svolto tra il 2006 e il 2011 in 33 centri oncologici in Canada, Australia e Nuova Zelanda.

Le 2.135 pazienti erano donne di 40 anni o più con carcinoma mammario che erano state trattate con un intervento chirurgico di conservazione del seno.

Circa alla metà delle pazienti è stata erogata una radioterapia standard al giorno per 3-5 settimane. L’altra metà ha ricevuto l’ APBI che è stato somministrato due volte al giorno per 5-8 giorni.

A otto anni dalle terapie, il rischio di recidiva del cancro nella mammella era molto basso e simile per i due gruppi. Per le pazienti trattate con APBI il rischio era del tre per cento e per le altre  pazienti era del 2,8 per cento.

Pro e contro

I risultati dopo oltre otto anni sono entusiasmanti perché hanno dimostrato, con un lungo follow-up, che il rischio di ritorno del cancro al seno è stato ridotto con APBI allo stesso livello delle radiazioni profuse all’intero seno“, ha detto Whelan. 

Tuttavia, il suo gruppo di ricerca è stato sorpreso di scoprire che sebbene sia stata osservata una minore tossicità precoce entro tre mesi dal trattamento con APBI, il regime era probabilmente associato a effetti tossici tardivi più elevati e risultati estetici peggiori. Ciò includeva un aumento dei piccoli vasi sanguigni visibili sulla pelle e un ispessimento del tessuto mammario correlato alle radiazioni.

Circa il 13% delle pazienti che hanno avuto radiazioni sull’ intero seno presentavano una tossicità moderata, rispetto al 32% di quelle che sono state sottoposte all’APBI“. In base a questo, è difficile raccomandare l’APBI in questo momento” ha detto Whelan. 

Whelan e il suo team stanno ora conducendo una nuova sperimentazione clinica:

Stiamo esaminando l’utilizzo dell’APBI con cinque trattamenti, ma solo una volta al giorno anziché due “, ha detto. “I primi risultati sono molto promettenti perché non stiamo riscontrando la stessa tossicità“.

Lo studio è stato finanziato dal Canadian Institutes of Health Research e dalla Canadian Breast Cancer Research Alliance. Lo studio è stato condotto dal gruppo di oncologia clinica dell’Ontario di McMaster e Hamilton Health Sciences.


Fonte:

https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(19)32515-2/fulltext

1K Condivisioni