Cancro al seno: come migliorare la diagnosi e la cura con la risonanza magnetica

Cancro al seno: come migliorare la diagnosi e la cura con la risonanza magnetica
Tempo di lettura: 2 minuti

Rilevare meglio il cancro è possibile con campi magnetici più forti

Campi magnetici più forti potrebbero diagnosticare con più precisione il cancro ma, purtroppo, aumentano il rischio di riscaldamento del tessuto durante uno screening.

Lo studio

I ricercatori hanno simulato il modo in cui 20 diversi tessuti mammari rispondono al calore che la risonanza magnetica (RM) emana con intensità di campo superiori a quelle oggi disponibili negli ospedali. I risultati sono stati pubblicati nella rivista Magnetic Resonance in Medicine.

Uno screening annuale con la RM è raccomandato per le donne con un rischio di cancro al seno superiore alla media perché è più sensibile di una mammografia standard.

“Stiamo iniziando a sviluppare tecniche ad alta intensità di campo che potrebbero immediatamente monitorare come i tumori rispondano al trattamento. Quindi non vogliamo che le preoccupazioni sul riscaldamento dei tessuti ostacolino il miglioramento di uno strumento così potente “, afferma il coautore dello studio Joseph Rispoli, un assistente professore di ingegneria biomedica alla Purdue University.

 

Non tutte le donne sono uguali

Quanto è denso il seno di una donna determina quanta energia di radiofrequenza da una risonanza magnetica assorbe sotto forma di calore, definito come il tasso di assorbimento specifico (SAR). Più il tessuto è fibroglandolare in rapporto al tessuto grasso, maggiore è la densità mammaria e la SAR.

Ma non tutte le donne hanno lo stesso rapporto tra tessuto fibroglandolare e tessuto adiposo. Ciò rende più difficile per i ricercatori dimostrare che una tecnica di risonanza magnetica potenzialmente salvavita sia sicura per ogni donna, anche se il rischio di surriscaldamento dei tessuti è generalmente basso.

Negli ospedali, le forze di campo della risonanza magnetica sono attualmente fino a 3 tesla, il tesla è l’unità che usiamo per misurare la forza del campo magnetico“, afferma Rispoli. “Molte tecniche sarebbero di gran lunga superiori a 7 tesla. Ciò comporterebbe un aumento quintuplo della SAR, ma raddoppierà anche la sensibilità alla risonanza magnetica. “

Aumentando di cinque volte si rimarrebbe  nei limiti di sicurezza

Per fare queste simulazioni, il team ha dovuto superare diversi ostacoli, il primo è che ci sono molti meno modelli di computer del corpo femminile rispetto al corpo maschile. L’Istituto nazionale giapponese di tecnologia dell’informazione e della comunicazione, ad esempio, ha sviluppato il modello “Hanako” per rappresentare la donna giapponese media, e la Fondazione svizzera per la ricerca sulle tecnologie dell’informazione nella società ha sviluppato “Ella” per una tipica donna caucasica.

I ricercatori hanno unito 36 modelli computerizzati ( creati dall’American College of Radiology Breast Imaging Reporting, Data System Atlas, Hanako ed Ella).

Le simulazioni aiutano gli altri ricercatori a personalizzare le loro tecniche in base al rapporto unico del tessuto mammario di ogni donna. La potenza dovrebbe essere limitata, ad esempio, per quelli con più tessuto fibroglandolare.

Vogliamo facilitare le più avanzate tecniche di risonanza magnetica al seno in qualsiasi parte del mondo“, afferma Rispoli. “Alla fine, una donna sarà in grado di entrare, avere una scansione anatomica a bassa potenza e quindi il computer potrebbe rapidamente simulare al volo quello che potrebbe essere il SAR in quel paziente. 

Fonti:
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/mrm.27395
https://www.purdue.edu/newsroom/releases/2018/Q3/simulations-of-every-womans-breast-tissue-address-delay-on-enhanced-mri-cancer-detection.html