Cancro al cervello: uomini e donne hanno diversi fattori di rischio genetici

Cancro al cervello: uomini e donne hanno diversi fattori di rischio genetici
Tempo di lettura: 2 minuti

Un nuovo studio internazionale indica la via per i test genetici che potrebbero valutare il rischio di Glioma, il tipo più comune di tumore cerebrale maligno negli adulti.

Glioma: uomini e donne hanno diversi fattori di rischio genetico, la scoperta 

Un team della Scuola di Medicina della Case Western Reserve University, insieme a un consorzio internazionale di ricercatori, ha scoperto che uomini e donne hanno diversi fattori di rischio genetici per lo sviluppo del glioma.

La ricerca è stata recentemente pubblicata su Scientific Reports.

Le considerazioni su nuovi percorsi contro il glioma 

Lo studio ha coinvolto il lavoro di oltre 35 ricercatori che rappresentano più di 30 università, istituti e agenzie governative in tutto il mondo.

“Analisi di sesso stratificate in studi come questo possono rivelare nuove intuizioni sulle differenze di sesso conosciute nel glioma e fornire associazioni di rischio genetico precedentemente sconosciute”, ha dichiarato Jill Barnholtz-Sloan, Professore designato in Brain Tumor Research presso Case Western Reserve Scuola universitaria di medicina.

“Questa scoperta potrebbe fornire una via per ottenere una migliore comprensione delle differenze di sesso nell’incidenza del tumore al cervello, e potrebbe anche suggerire vari meccanismi e percorsi della malattia.”

Lo studio ed i risultati

Il consorzio ha esaminato le differenze genetiche tra tutti i pazienti di glioma, solo glioblastoma e non-glioblastoma in base al sesso.

I ricercatori hanno trovato tre regioni nel genoma in cui esistevano significative differenze genetiche tra uomini e donne, e queste differenze variavano anche per sesso e tipo di tumore (glioblastoma vs non-glioblastoma).

“Ce n’è uno in cui è chiaramente associato ad un aumento del rischio nei maschi, uno in cui è chiaramente associato a un aumento del rischio nelle donne e in quello che mostra sia nei maschi che nelle femmine, ma sembra avere un’associazione più forte nelle femmine, ha affermato Barnholtz -Sloan.

Nel futuro

La recente analisi potrebbe aiutare a definire un percorso per un test genetico che aiuta i medici a valutare il rischio del paziente per il cancro al cervello.

“Siamo rimasti sorpresi nel trovare un’ampia regione del genoma associata al glioma e specificamente al glioblastoma nelle sole donne”, ha detto Barnholtz-Sloan. “Questa regione non era stata precedentemente associata ai gliomi, sebbene altri studi simili su tutto il genoma abbiano identificato le associazioni in questa regione per una varietà di tratti, tra cui diverse malattie autoimmuni, nonché un aumento dell’età al menarca.”

Come osserva la discussione di studio, se l’aumento dell’esposizione per tutta la vita agli estrogeni diminuisce il rischio di glioma, come alcuni hanno ipotizzato, è possibile che le varianti che aumentano l’età al menarca (potenzialmente diminuendo l’esposizione totale agli estrogeni) possano aumentare il rischio di glioma nelle donne.

Fonti:
http://casemed.case.edu/cwrumed360/news-releases/release.cfm?news_id=1337&news_category=8
http://www.nature.com/articles/s41598-018-24580-z

 

14 Condivisioni