Bloccare i messaggi tra le cellule tumorali per fermare la malattia

Bloccare i messaggi tra le cellule tumorali per fermare la malattia
Tempo di lettura: 2 minuti

Una nuova ricerca potrebbe rispondere ad alcune domande chiave su come il cancro si diffonde.

I ricercatori hanno esaminato un gene chiamato EGFRvIII, che è presente nei pazienti con glioblastoma, una forma altamente aggressiva di cancro al cervello che si diffonde rapidamente e che è difficile da trattare.

Il glioblastoma solitamente colpisce gli adulti tra i 45 e i 70 anni e presenta un basso tasso di sopravvivenza. Le cause scatenanti la malattia sono ancora sconosciute.

Lo studio

In questo studio, Janusz Rak e il suo team hanno studiato  come i geni che causano il cancro, noti anche come oncogeni, come ad esempio il gene EGFRvIII, modificano il contenuto dei messaggi scambiati tra le cellule.

Il Dott. Rak , ricercatore nel programma di salute e sviluppo infantile dell’Istituto di ricerca del McGill University Health Center e professore nel dipartimento di pediatria della divisione di medicina sperimentale presso la McGill University, afferma chele cellule tumorali ci attaccano in bande , ma per lavorare in modo efficace insieme, devono comunicare tra loro”.

Gli esosomi

Un modo in cui possono farlo è attraverso piccole strutture simili a bolle chiamate vescicole extracellulari (EV) o esosomi. Gli EV sono pieni di proteine ​​attive che funzionano come messaggi trasportati da una cella all’altra .

Rak e il suo team hanno scoperto che le proteine ​​in EV possono cambiare il comportamento delle cellule, per esempio possono farle invadere i tessuti o metastatizzare.

Rak aggiunge che la cosa sorprendente è che un singolo gene che causa il cancro, EGFRvII, può cambiare centinaia di proteine alterando completamente i messaggi che queste cellule trasmettono l’una all’altra.

Secondo gli scienziati riuscire a bloccare la trasmissione di messaggi tra cellule tumorali potrebbe  fermare la diffusione del cancro .

Il Dott. Rak conclude dicendo che il loro  lavoro suggerisce anche che diversi oncogeni possono avere effetti diversi sulla comunicazione cellula-cellula, sul tipo e sul contenuto degli EV che le cellule tumorali rilasciano o ricevono. Hanno bisogno di capire il meccanismo d’azione per sviluppare nuove terapie . Gli EV, possono essere rilevati nei campioni di sangue, sono già utilizzati per diagnosticare i tumori.

Le proteine ​​associate a EV scoperte dal team di Rak in futuro potrebbero aiutare nello sviluppo di test e trattamenti personalizzati per i pazienti con glioblastoma.

Fonti:

http://www.mcponline.org/content/17/10/1948

http://rimuhc.ca/-/how-does-cancer-spread-?redirect=%2Fri-muhc-live

229 Condivisioni