Cancro: approfondimenti sull’uso di marijuana e oppioidi

Cancro: approfondimenti sull’uso di marijuana e oppioidi

Un nuovo studio rivela che molte persone con il cancro usano la marijuana e che i tassi di utilizzo negli Stati Uniti sono aumentati nel tempo.

Il dolore è un sintomo comune del cancro e molti pazienti non ricevono un adeguato sollievo.
Avevamo già divulgato in precedenti articoli, alcune ricerche che hanno approfondito il legame tra uso di marijuna e cancro (https://oncolife.it/blog/e-vero-che/prodotti-a-base-marijuana-non-cura-il-cancro/ https://oncolife.it/blog/piccoli-consigli-che-fanno-la-differenza/la-medicina-alternativa-non-puo-curare-il-cancro/ ).
Alla luce della legislazione in rapida evoluzione sulla marijuana e di una crescente epidemia di oppioidi, un team guidato da Jona Hattangadi-Gluth, MD e Kathryn Ries Tringale, MD, MAS, dell’Università della California, San Diego, ha esaminato le tendenze nell’uso auto-divulgato di marijuana e oppioidi tra i pazienti con cancro.

Dopo aver analizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey degli Stati Uniti tra il 2005 e il 2014, i ricercatori hanno rilevato che tra gli intervistati che hanno avuto il cancro, il 40,3 per cento ha usato la marijuana nell’ultimo anno, rispetto al 38 per cento degli intervistati senza cancro. Inoltre, le persone con cancro avevano maggiori probabilità di usare oppioidi da prescrizione rispetto alle loro controparti demograficamente equivalenti senza cancro (13,9 per cento contro 6,4 per cento).
Sono necessari futuri studi clinici per quantificare l’efficacia della marijuana nel dolore specifico per il cancro, nonché il rischio di abuso di oppioidi in questa popolazione di pazienti“, ha affermato il dott. Tringale.

“La legalizzazione della marijuana medica è stata precedentemente associata a una riduzione dei ricoveri in relazione alla dipendenza o all’abuso di oppioidi, suggerendo che se i pazienti in realtà stanno sostituendo la marijuana con oppioidi, ciò potrebbe introdurre un’opportunità per ridurre la morbilità e la mortalità correlate agli oppioidi. Certo, sarà anche importante identificare i rischi e gli effetti avversi della marijuana, che non è mai stata studiata in precedenza su grandi studi clinici randomizzati” ha affermato il Dr. Hattangadi-Gluth.
Pubblicato su CANCER, una rivista dell’ American Cancer Society.

Fonte:
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/cncr.32059

592 Condivisioni