Un super algoritmo per scoprire il tallone d’Achille dei tumori

Un super algoritmo per scoprire il tallone d’Achille dei tumori

Tempo di lettura: 2 minuti

Un gruppo di ricercatori ha sviluppato un algoritmo in grado di analizzare le caratteristiche genetiche delle cellule tumorali ed individuare terapie mirate per tumore.

Questo nuovo approccio potrebbe avere un importante impatto nella cura del cancro che, stando agli ultimi dati nel 2015, ha causato 8,8 milioni di morti con un impatto economico stimato nell’anno 2010 intorno ad 1,12 miliardi di dollari.

L’obiettivo è pertanto quello di individuare il tallone d’Achille di ciascun tumore così da evitare terapie inefficaci e quindi inutilmente costose, sia in termini di effetti collaterali che di denaro.

Per fare tutto questo degli scienziati di Singapore hanno combinato più algoritmi per l’analisi genomica.

I risultati di questo lavoro sono stati pubblicati sulla rivista Cancer Research.

Caratterizzare il genoma dei diversi tipi di cellula tumorale

Le cellule tumorali presentano migliaia di mutazioni genetiche, ma solo una piccola parte di queste mutazioni dà effettivamente origine ad un tumore. Identificare le mutazioni che promuovono la crescita incontrollata delle cellule tumorali nel corpo è quindi una sfida chiave per il campo emergente dell’oncologia di precisione.

In questo recente studio, il team di ricercatori guidati dal dott. Denis Bertrand e dal professor Niranjan Nagarajan del Genome Institute di Singapore (GIS) ha analizzato i dati di oltre 3.000 tumori, suddivisi in 15 diversi tipi di cancro tra cui colon, seno, polmone, cancro allo stomaco e al fegato.

Alla ricerca dell’algoritmo perfetto

Sono stati quindi utilizzati 18 diversi algoritmi sviluppati per l’analisi dei dati genetici e si è scoperto che ciascuno dei singoli algoritmi utilizzato da solo non poteva identificare le mutazioni e fornire risultati utili per identificare le terapie mirate su ciascun paziente.

I ricercatori allora hanno selezionato i diversi punti di forza di ciascun algoritmo per poi combinarli tra loro e creare un nuovo sistema che hanno ribattezzato ConsensusDriver. Questo nuovo super algoritmo  è stato in grado di identificare le migliori strategie di trattamento in quasi tutti i pazienti presi in esame, e nell’80% di loro si è sempre potuto identificare un farmaco efficace.

Verso la medicina di precisione

“Tutta questa ricerca è stata un’esperienza illuminante. Questa è una scienza collaborativa su scala internazionale e stiamo facendo rapidi progressi nel riuscire a dare il giusto farmaco al momento giusto” ha detto Bertrand.

Il suo collega Nagarajan aggiunge: “è straordinario come gli algoritmi informatici siano diventati una nuova arma nella battaglia contro il cancro. Invece di “bastonare” indiscriminatamente le cellule cancerogene con la chemioterapia, stiamo ora cercando di individuare, in modo computazionale, le debolezze genetiche di ogni tumore per poi bersagliarle solo con quei farmaci che possono essere efficaci”.

La complessità della genetica del cancro è una delle maggiori sfide che i medici affrontano nel trattamento.

Oggi grazie alla potenza di calcolo dei computer sta diventando sempre più facile identificare con precisione le mutazioni che possono essere prese di mira dai trattamenti per combattere il cancro, si sta sempre più muovendosi verso la medicina di precisione.

Fonte
http://cancerres.aacrjournals.org/content/78/1/290
Continua a leggere