Uno sviluppo positivo contro il cancro resistente ai farmaci

0
282
Uno sviluppo positivo contro il cancro resistente ai farmaci

Sviluppate delle macromolecole sintetiche che possono uccidere le cellule tumorali resistenti a più farmaci e aiutare a prevenire la diffusione del cancro.

Questo è ciò che è il risultato dello studio effettuato dai ricercatori di Singapore e pubblicato sul Journal of the American Chemical Society.

Lo scopo, sviluppare nuove terapie in grado di uccidere le cellule tumorali

La resistenza ai farmaci chemioterapici convenzionali porta a metastasi e recidive del cancro. Pertanto vi è un’urgente necessità di sviluppare nuove terapie in grado di uccidere le cellule tumorali senza indurre sviluppo di resistenza ai farmaci dopo trattamenti multipli.

La scoperta

Basandosi sulla precedente ricerca sulle macromolecole che uccidono i batteri, un team di ricerca multidisciplinare dell’Agenzia per la scienza, la tecnologia e la ricerca (A * STAR) e IBM Research ha dimostrato che le macromolecole possono anche essere utilizzate per uccidere selettivamente le cellule cancerose.

L’ipotesi di partenza, composti per limitare la crescita dei tumori 

La nostra ipotesi era che con i composti macromolecolari potremmo limitare la crescita dei tumori inducendo la lisi della membrana e la necrosi all’interno dei tumori senza significativi effetti avversi nei pazienti“, ha detto il dott. Chen Qingfeng, ricercatore principale presso l’Istituto di Molecular and Cell di A * STAR Biologia.

Le considerazioni ed i risultati

I ricercatori hanno dimostrato che una macromolecola contenente componenti caricati positivamente può legarsi alle superfici caricate negativamente delle cellule tumorali. Hanno anche dimostrato che un’altra porzione della macromolecola assimilata nella membrana cellulare ha provocato dei buchi nella cellula tumorale e l’ha distrutta.

Le macromolecole sono state progettate per autoassemblarsi in nanoparticelle strutturate a nuclei che si accumulano nei tessuti tumorali”, ha spiegato il Dr. Yang Yi Yan, leader del gruppo presso l’Istituto di Bioingegneria e nanotecnologia A * STAR.

Le conclusioni 

Conclude Yi Yan: Il guscio impedisce al nucleo anti-cancro di interagire con cellule sane prima di raggiungere il tumore. All’arrivo nel sito del tumore, il guscio si aprirà per rivelare il componente che uccide il cancro che interagisce con cariche negative sulla membrana delle cellule tumorali per distruggere la membrana e uccidere la cellula.

Fonti:

https://pubs.acs.org/doi/10.1021/jacs.7b11468