fbpx
Novità dalla ricerca

Scoperto un nuovo approccio per il medulloblastoma

Scoperto un nuovo approccio per il medulloblastoma

La fame di un tumore cerebrale infantile dell’amminoacido glutammina potrebbe migliorare l’effetto della chemioterapia.

Questo è ciò che è emerso da uno studio condotto dalla Queen Mary University di Londra (QMUL) e finanziato da Children with Cancer UK e dal Medical Research Council.

Il medulloblastoma, il tumore più comune nei bambini 

Il medulloblastoma è il tumore cerebrale primario solido più comune nei bambini e una delle principali cause di mortalità nei tumori infantili. I trattamenti attuali comprendono una combinazione di chirurgia, radioterapia e chemioterapia e sono efficaci nella maggior parte dei casi, ma spesso associati a significativi effetti collaterali, come disabilità mentali e fisiche.

Lo studio per identificare nuovi approcci contro il medulloblastoma

Lo studio, pubblicato su Genes & Development, ha esaminato le cellule da pazienti con medulloblastoma e topi affetti dalla malattia. I ricercatori hanno studiato i processi metabolici che consentono alle cellule tumorali di crescere, compreso l’assorbimento degli aminoacidi, allo scopo di identificare nuovi approcci per inibire la loro crescita e migliorare i trattamenti attuali.

I risultati

Il team ha scoperto che una percentuale di medulloblastoma era “dipendente” dalla glutammina, un amminoacido che di solito non è essenziale nelle cellule normali.

Hanno poi somministrato una dieta ristretta alla glutammina ai topi con la malattia, e hanno scoperto che ha migliorato l’effetto della chemioterapia e aumentato la durata della vita dei topi, anche quando sono stati trattati con dosi più basse di chemioterapia.

Le considerazioni

L’autrice dello studio Maria Niklison-Chirou di QMUL, ha dichiarato: “Se possiamo confermare nei pazienti umani che una dieta a restrizione di glutammina può essere tollerata ed efficace, potrebbe essere possibile usarla per ridurre le dosi di farmaco necessarie per trattare una percentuale di pazienti con medulloblastoma: questo può portare a curare un maggior numero di pazienti o consentire ai sopravvissuti di avere una migliore qualità della vita.

Cliff O’Gorman ha dichiarato: “Accogliamo con favore queste scoperte, che aprono la possibilità di un trattamento di precisione più gentile e più efficace per i pazienti giovani con medullobastoma. Con questa condizione devastante affrontiamo trattamenti aggressivi che possono avere un impatto a lungo termine sulla loro salute e il loro benessere, ed è fondamentale sviluppare risultati incoraggianti come questi investendo in ulteriori studi e studi clinici per rendere il trattamento all’avanguardia una realtà per i giovani pazienti oncologici nel Regno Unito“.

La dott.ssa Mariana Delfino-Machin, responsabile del programma MRC per il cancro, ha dichiarato: “Il medulloblastoma è il tipo più comune di tumore cerebrale aggressivo nei bambini e la MRC è quindi orgogliosa di sostenere la ricerca su questa terribile malattia, compresi studi che mirano a comprendere il meccanismi che supportano la crescita di tali tumori: studi di questa natura sono fondamentali, i primi passi nel processo di sviluppo di terapie più efficaci che possono anche ridurre gli effetti collaterali causati dalle terapie standard “.

Nel futuro

I ricercatori avvertono che sebbene questi risultati preclinici siano promettenti, sono necessari ulteriori studi per valutare se un approccio simile possa essere applicato ai pazienti umani.

Fonti:
http://www.qmul.ac.uk/media/news/items/smd/200624.html
http://genesdev.cshlp.org/content/31/17/1738

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.