Nuove idee sulle origini dei tumori, lo studio

0
389
Nuove idee sulle origini dei tumori, lo studio
Credit photo: MATT MILLER/WASHINGTON UNIVERSITY SCHOOL OF MEDICINE - https://medicine.wustl.edu/news/study-prompts-new-ideas-cancers-origins/

La rapida divisione delle cellule staminali è una delle principali cause di cancro. Ma un nuovo studio suggerisce che anche le cellule mature svolgono un ruolo chiave nell’avvio del cancro.

Rivoluzionato il pensiero sull’origine dei tumori 

Si tratta di una scoperta, pubblicata sulla rivista Gastroenterology, che potrebbe sovvertire il modo in cui gli scienziati pensano alle origini della malattia.

Lo studio e la scoperta 

I ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Washington di St. Louis hanno infatti scoperto che le cellule mature hanno la capacità di tornare a comportarsi come le cellule staminali che si dividono rapidamente. Tuttavia, quando le cellule vecchie ritornano a uno stato simile a una cellula staminale, possono portare con sé tutte le mutazioni che si sono accumulate fino a quel momento, predisponendo alcune di quelle cellule ad evolversi in lesioni precancerose.

Il ruolo delle cellule staminali nello sviluppo dei tumori, le considerazioni 

“Come scienziati, abbiamo focalizzato una grande attenzione sulla comprensione del ruolo delle cellule staminali nello sviluppo dei tumori, senza concentrarci sulle cellule mature”, ha detto il ricercatore Jason C. Mills, Professore di medicina nella Divisione di Gastroenterologia. “Ma abbiamo visto che quando le cellule mature ritornano in uno stato di cellule staminali, può creare problemi che possono portare al cancro.”

I risultati 

I risultati, nei topi e nelle cellule dello stomaco umano, sollevano anche domande su come le cellule tumorali riescono ad eludere il trattamento.

La maggior parte delle terapie ha lo scopo di fermare la crescita del cancro impedendo alle cellule di dividersi rapidamente. Questo tipo di trattamento generalmente attacca le cellule staminali ma non previene la regressione delle cellule mature allo stato di cellule staminali.

Spiega Megan Radyk,studente laureato nel laboratorio di Mills. “Se il cancro si ripresenta, potrebbe essere perché la terapia antitumorale non ha colpito le cellule mature chiave che assumono comportamenti simili alle cellule staminali. Questo può portare allo sviluppo di lesioni precancerose e, potenzialmente, di cancro”.

L’analisi di tessuto

Analizzando campioni di tessuto di 10 persone con cancro allo stomaco, i ricercatori hanno scoperto che anche le cellule mature nello stomaco erano tornate a uno stato simile a cellule staminali e avevano iniziato a dividersi rapidamente.

Nel futuro 

Il laboratorio di Mills sta lavorando per identificare i farmaci che potrebbero bloccare la condizione precancerosa impedendo alle cellule mature di proliferare e dividersi.

“Sapere che queste cellule stanno portando ad un aumento del rischio di cancro può permetterci di trovare farmaci per impedire alle cellule mature di iniziare a dividersi e moltiplicarsi”, ha detto Mills. “Questo può essere importante per prevenire il cancro non solo nello stomaco e nel tratto gastrointestinale ma in tutto il corpo”.

Fonti:

https://medicine.wustl.edu/news/study-prompts-new-ideas-cancers-origins/

http://dx.doi.org/10.1053/j.gastro.2017.11.278

Credit photo: MATT MILLER/WASHINGTON UNIVERSITY SCHOOL OF MEDICINE – https://medicine.wustl.edu/news/study-prompts-new-ideas-cancers-origins/