fbpx
Novità dalla ricerca

Mappare tutte le cellule del seno per comprendere meglio il cancro

Mappare tutte le cellule del seno per comprendere meglio il cancro

Gli scienziati stanno identificando ogni cellula nello sviluppo del tessuto mammario per creare un database web per aiutare la ricerca

Il cancro al seno è uno dei tumori più diffusi e alcune forme si collocano tra le più difficili da trattare. Sono coinvolte molte cellule diverse e questo rende talvolta difficile colpire questi tipi tumori. Ora, i ricercatori del Salk Institute hanno usato una tecnologia all’avanguardia per profilare ogni cellula durante il normale sviluppo del seno al fine di capire cosa cambi nello sviluppo di un cancro.

I risultati del team, pubblicati su Cell Reports, gettano le basi per comprendere il normale sviluppo del seno e possono portare a nuove strategie per affrontare i tumori.

Per capire cosa non vada nel carcinoma mammario, dobbiamo prima capire come funziona il normale sviluppo“, afferma Geoffrey Wahl, professore del Gene Expression Laboratory e autore senior dell’articolo. “Questo studio rappresenta un passo importante in quella direzione, poiché siamo stati in grado di profilare ogni cellula durante lo sviluppo del seno. Ci aspettiamo che queste informazioni siano una preziosa risorsa“.

Il tessuto mammario

Il tessuto mammario maturo contiene due tipi di cellule principali, che sono spesso coinvolte nei tumori al seno: cellule luminali e cellule basali

Le cellule luminali rivestono i condotti e producono latte, mentre le cellule basali circostanti si contraggono per spingere il latte fuori dai condotti. Gli scienziati erano interessati a ciò che guida i cambiamenti molecolari che regolano il modo in cui, durante lo sviluppo, le cellule staminali si specializzano in questi tipi di cellule. In particolare, hanno studiato come il DNA all’interno della cellula –  cromatina – cambia per consentire a determinati geni di influenzare l’espressione genica e lo sviluppo di queste cellule.

Abbiamo cercato di ottenere una mappa molecolare di queste cellule mammarie in via di sviluppo per comprendere meglio come si formano i tessuti mammari durante lo sviluppo e come sono durante l’età adulta“, afferma Christopher Dravis, co-primo autore dell’articolo.

Sorprendentemente, il team ha scoperto che ogni cellula era già pronta a diventare una cellula basale o una cellula luminale prima della nascita. Ciò suggerisce che le cellule ottengono rapidamente la capacità di convertirsi in ogni tipo di cellula subito dopo la nascita con opportuni cambiamenti nell’accessibilità della cromatina e segnali molecolari che forniscono le istruzioni.

L’alterazione anomala di questi processi può portare allo sviluppo del tumore

Il team ha continuato ad analizzare una moltitudine di caratteristiche di ciascuna cellula in via di sviluppo usando la bioinformatica e l’apprendimento automatico avanzato per rivelare un quadro complesso di sviluppo e maturazione del seno.

Gli scienziati hanno integrato i loro risultati in un database online gratuito – già ampiamente accessibile da altri ricercatori – nella speranza di favorire gli studi sulla crescita cellulare, sulla regolazione genica e su altri fattori attraverso diversi tipi di cellule e stati di sviluppo. Gli autori ritengono che il database potrebbe essere usato per sviluppare nuove teorie su come le cellule mammarie si “smarriscano” e si trasformino in cancro.

Il mio obiettivo è sempre stato quello di aiutare le persone con il cancro e, diffondendo la ricerca nel modo più ampio e rapido possibile, speriamo di accelerare l’avanzamento della ricerca e lo sviluppo della terapia.”Questo studio ci ha fornito un modo concreto di comprendere i passaggi coinvolti nello sviluppo mammario e rivela una complessità che non era evidente con la maggior parte degli altri metodi. Siamo entusiasti di condividere queste scoperte con la più ampia comunità di ricerca possibile” afferma Wahl.

In futuro, gli autori hanno in programma di sviluppare ulteriormente il database per ottenere terapie sempre più efficaci.

Fonti:

https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S2211124719311519

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.