Leucemia: trattamento innovativo grazie ad una scoperta sorprendente

0
452
Leucemia: trattamento innovativo grazie ad una scoperto sorprendente

Nuovi risultati possono consentire un concetto di trattamento innovativo contro la leucemia rendendo le cellule staminali tumorali visibili al sistema immunitario.

I pazienti con leucemia mieloide acuta (LMA) spesso hanno una recidiva dopo un trattamento apparentemente efficace. Le cellule staminali della leucemia che sopravvivono alla terapia sono responsabili del ritorno della malattia. Gli scienziati possono parzialmente spiegare questo fenomeno: le cellule staminali hanno meccanismi protettivi che le rendono resistenti alla chemioterapia

Ma come riescono a sfuggire alla difesa immunitaria?

Un team di scienziati delle Università di Basilea e di Tubinga, il German Cancer Research Center (DKFZ), l’Istituto Heidelberg per la tecnologia delle cellule staminali e la medicina sperimentale (HI-STEM) e il German Cancer Consortium (DKTK) hanno studiato questo fenomeno e scoperto un meccanismo sorprendente.

I ricercatori hanno analizzato le cellule leucemiche di 175 pazienti con LMA e hanno scoperto che le cellule staminali tumorali sopprimono le proteine ​​NKG2D-L. Queste proteine ​​consentono alle cellule natural killer (cellule NK) di riconoscere le cellule danneggiate e infette, nonché le cellule tumorali e di ucciderle se necessario. In questo modo, le cellule staminali della leucemia sfuggono alla distruzione da parte del sistema immunitario

Nei topi a cui erano state trasferite le cellule AML dai pazienti, i ricercatori hanno dimostrato che mentre le normali cellule AML (senza proprietà delle cellule staminali) erano controllate dalle cellule NK, le cellule staminali della leucemia NKG2D-L negative sfuggivano alla squadra delle cellule killer. “Fino ad ora non era noto un simile legame tra le proprietà delle cellule staminali e la capacità di sfuggire al sistema immunitario“, ha affermato Claudia Lengerke dell’ospedale universitario di Basilea e dell’Università di Basilea. 

Cosa c’è dietro questo straordinario meccanismo protettivo? 

Gli scienziati hanno notato che le cellule staminali della leucemia producono una quantità particolarmente elevata di PARP1, un enzima che apparentemente blocca la produzione di NKG2D-L. Esperimenti preclinici con topi a cui erano state trasferite le cellule di leucemia umana hanno mostrato che PARP1 svolge effettivamente un ruolo importante nella difesa immunitaria: questi animali sono stati trattati con farmaci che inibiscono PARP1, le cellule staminali della leucemia hanno espresso nuovamente NKG2D-L e  sono state quindi riconosciute ed eliminate dalle cellule NK.

Le terapie antitumorali che coinvolgono il sistema immunitario sono state applicate con successo per molti anni sotto forma di trapianto di cellule staminali allogeniche (https://www.ail.it/patologie-e-terapie/terapie/il-trapianto-allogenico) in pazienti con LMA in determinate situazioni di malattia. Negli ultimi anni sono stati sviluppati ulteriori nuovi approcci immunoterapici che sono attualmente in fase di test clinici. 

I nostri risultati mostrano come le cellule staminali tumorali ingannino in modo intelligente il sistema immunitario. La spiegazione del meccanismo che abbiamo trovato ora consente di contrattaccare“, afferma Andreas Trumpp, German Cancer Research Center e HI-STEM.

I risultati forniscono la base per la possibilità di combattere le cellule staminali della leucemia maligna combinando inibitori PARP con cellule NK attive. Gli scienziati coinvolti stanno pianificando uno studio clinico.

Fonti:

https://www.nature.com/articles/s41586-019-1410-1

Andrea Pensotti
Andrea Pensotti
Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche e dottorando presso l'Università Campus Bio-Medico di Roma.