fbpx
In prima linea

Trattamenti alternativi al cancro, altre vittime

Trattamenti alternativi al cancro, altre vittime

Ogni medico che cura i malati di cancro può raccontare storie di pazienti che presentano tumori troppo avanzati per il trattamento perché inizialmente perdono il loro tempo a perseguire trattamenti alternativi.

I trattamenti alternativi al cancro aumentano i tassi di morte 

Questo atteggiamento è stato anche studiato: nel 2017 un team di Yale ha pubblicato uno studio che mostrava tassi di morte più alti tra i pazienti oncologici che hanno scelto trattamenti alternativi.

C’è una recente storia di un video che sostiene che spremuta, dieta vegana e preghiera hanno curato il cancro al quarto stadio della protagonista. Ora però è morta a causa del cancro.  

Nonostante la tristezza per l’accaduto, non ci resta che trarre insegnamento da questa storia.

Quando viene diagnosticato il cancro… 

Quello che succede in genere è che quando ad alcune persone viene diagnosticato il cancro, si cerca ogni possibile salvezza da questa situazione. Questo è comprensibile. Spesso c’è un trattamento iniziale, come la rimozione di un tumore solido o il restringimento del tumore con farmaci. Alcuni pazienti possono anche chiedere un ulteriore intervento, come trattamenti alternativi o guarigione della fede.

A quel punto sono nella fase di “luna di miele della malattia” – non importa quale sia la loro prognosi finale, i loro sintomi sono stati probabilmente migliorati dal trattamento iniziale. Possono immaginare di essere guariti. Questo di solito è il punto in cui affermano che qualsiasi trattamento alternativo o basato sulla fede che hanno subito li ha guariti.

A seconda del tipo di tumore, alcuni di questi pazienti potrebbero essere stati sostanzialmente guariti dal loro primo intervento chirurgico o trattamento. Per quelli che non lo erano, una ricorrenza dei sintomi è inevitabile. A quel punto potremmo o no sentir parlare di loro quando il cancro ritorna e porta alla loro morte.

Ciò significa che i malati di cancro di nuova diagnosi possono trovare innumerevoli storie di persone che affermano di essere state “guarite” dal loro cancro da ogni sorta di sciocchezze. Ci sarà sempre una coorte di persone nella fase della luna di miele della loro malattia. Questa è la trappola delle prove aneddotiche. È selettivo e parziale.

La valutazione delle scelte di trattamento al cancro 

Ciò che vogliamo veramente è una valutazione sistematica di ciò che è il risultato delle varie scelte di trattamento. Se hai un tipo specifico di cancro e scegli il regime terapeutico raccomandato quale sarà statisticamente il tuo risultato? Quali sono le tue possibilità di ritardare o rifiutare il trattamento o se ti affidi a vari trattamenti alternativi? Questi dati esistono: se fai affidamento su trattamenti alternativi la possibilità di morte aumenta.

La storia della Youtuber Mari Lopez e nipote

La storia di Mari Lopez, di cui abbiamo accennato sopra, segue questo schema tipico. È diventata una famosa YouTuber con sua nipote, Liz. Insieme hanno affermato che la spremuta, la dieta vegana e la preghiera hanno curato il cancro di stadio IV di Mari. Tuttavia quando il cancro tornò, divenne comprensibilmente peggiore, ma ha comunque raddoppiato le sue affermazioni online di fronte a prove così drammatiche del contrario.

Com’è possibile? È il potere di una narrativa forte. Mari e Liz hanno infatti mischiato le affermazioni che dieta e fede abbiano curato Mari e la medicina alternativa è spesso una miscela di pseudoscienza e guarigione della fede.

Tali affermazioni di fede hanno un problema significativo con la logica e la coerenza.

Harry Shukman, che ha scritto l’articolo, spiega che è interessante il fatto che le due donne hanno affermato che Dio ha guarito dalla malattia. Nello specifico Liz crede che Dio abbia curato Mari del suo cancro, ma quest’ultima ha vacillato nella dieta, così il cancro è tornato indietro e l’ha uccisa.

Infatti l’attuale razionalizzazione di Liz per la morte di Mari è che verso la fine della sua vita la donna stava tradendo la sua dieta vegana.

Secondo la nipote quindi, nel momento in cui iniziò a vacillare nella sua purezza vegana e cedette alle tentazioni della carne, il cancro la reclamò.

Terapia alternativa: i fallimenti sono sempre attribuiti al paziente

Questa è un’altra parte assolutamente tipica della narrativa di guarigione della fede, fortemente mutuata dalla narrativa della medicina alternativa: i fallimenti sono sempre attribuiti al paziente. È una razionalizzazione conveniente: non avevano sufficiente fede o non aderivano abbastanza fanaticamente al regime, ecco solo due dei numerosi esempi.

Spesso lo strato aggiuntivo di crudeltà imposta da cure alternative al cancro. Per prima cosa, scegli come bersaglio qualcuno che è estremamente vulnerabile perché è stato appena sottoposto a una diagnosi spaventosa e deve affrontare mesi o anni di trattamento orribile. Allontali dalla logica e dalle prove con la promessa di salvezza. Rivolgeteli ai medici che stanno cercando di dare loro consigli oggettivi basati sull’evidenza. Convinci che i loro dottori utilizzino solo scuse per estirpare soldi per un’industria malvagia di morte.

Ora che li hai nelle tue grinfie, porta via ogni grammo di denaro che puoi. È possibile massimizzare i profitti se la vittima è disposta a raccogliere fondi da familiari e amici.

Mentre sono impegnati a raccogliere fondi per pagarti, assicurati che il tempo a loro disposizione venga speso perseguendo un regime di trattamento severo – consumando enormi quantità di verdure crude e ottenendo clisteri di caffè, per esempio. Questo può sembrare inutilmente crudele, ma è importante. Quando il loro cancro ritorna, puoi biasimarli per non seguire il regime impossibile con sufficiente rigore. Questo è il modo migliore per deviare qualsiasi colpa per il cattivo risultato. Saranno troppo occupati a sentirsi colpevoli e depressi.

In molti casi questa storia è letteralmente vera. Non tutti i trattamenti alternativi sono cinicamente brutti o estremi, ma questa tipologia purtroppo esiste e non è rara.

Il trattamento tradizionale è la risposta giusta

È noto come il trattamento tradizionale sia costoso e duro. Il cancro è una malattia grave e spesso richiede un trattamento aggressivo, anche disperato. La differenza è che i trattamenti tradizionali si basano su un’analisi ponderata delle migliori prove disponibili e ai pazienti viene fornito un consenso informato dettagliato. I trattamenti alternativi sono un pacchetto di bugie, pseudoscienze, false speranze e inganni. Ma sono avvolti in una narrativa avvincente (se si adatta alla tua visione del mondo).

Quindi Liz pensa che Mari sia stata uccisa dal suo tradimento verso la dieta vegana, e che Dio abbia rinnegato la sua cura miracolosa. È apparentemente più facile che mettere in discussione la sua narrativa di medicina alternativa.

È importante sottolineare questa storia per tutti quei pazienti con cancro diagnosticato di recente. Affrontare una diagnosi di cancro richiede coraggio e molto sostegno. La falsa speranza e le ingannevoli ma seducenti narrative letteralmente uccidono.

Fonte:
https://theness.com/neurologicablog/index.php/more-victims-of-alternative-cancer-treatments/

Immagine: Liz (a destra) e Mari (a sinistra)

 

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.