Ecco perché il cancro e la chemioterapia possono influire sulla fertilità

0
370
Ecco perché il cancro e la chemioterapia possono influire sulla fertilità

I sopravvissuti al cancro hanno maggiori difficoltà a diventare padri e usufruiscono di più della riproduzione assistita, indipendentemente dalla loro età alla diagnosi.

Ecco ciò che è emerso dalla prima osservazione dei ricercatori dell’INRSInstitut national de la recherche scientifique, i quali hanno analizzato i risultati di studi scientifici per trovare prove e comprendere meglio i meccanismi di azione della chemioterapia sulla spermatogenesi.

Le considerazioni

È importante comprendere i meccanismi di azione della chemioterapia sulla spermatogenesi per aiutare i medici a prendere decisioni informate sull’adattamento del trattamento, riducendo gli effetti collaterali e meglio consigliare i pazienti sulla pianificazione familiare“, dice la dott.ssa Géraldine Delbès, specialista in tossicologia della riproduzione e autore di questo studio.

Si può recuperare la spermatogenesi?

Le radiazioni e l’esposizione ad agenti alchilanti hanno effetti dannosi sulla fertilità maschile.

La spermatogenesi si può recuperare in alcuni pazienti a seconda del tipo di tumore e della dose e della durata del trattamento ricevuto, ma tale recupero è ancora clinicamente imprevedibile.

Quando possibile, si consiglia di congelare lo sperma prima del trattamento.

Di seguito i punti salienti emersi da questo studio

  • Il cancro e la chemioterapia possono influenzare il DNA dello sperma, anche dopo un periodo di remissione.
  • Gli uomini con una storia di cancro possono sperimentare problemi di fertilità e aumento della perdita di embrioni.
  • Non vi è alcun aumento nella trasmissione della mutazione genetica alla prole in seguito a trattamenti contro il cancro.
  • Non vi è un aumento significativo della frequenza della mortalità post-natale, delle malformazioni congenite e del tasso di ospedalizzazione tra i bambini sopravvissuti al cancro maschile rispetto alla popolazione generale.

Le conclusioni

Nonostante un tasso di natalità più basso, sembra che avere avuto il cancro non abbia effetti significativi sulla salute dei loro bambini. Tuttavia non esiste uno studio epidemiologico sugli effetti transgenerazionali dei trattamenti contro il cancro. Non sono disponibili dati sulla funzione riproduttiva dei discendenti dei sopravvissuti al cancro da qui l’importanza di continuare gli studi su più generazioni.

Fonte:

http://www.inrs.ca/english/actualites/how-does-chemotherapy-among-men-affect-health-subsequent-generations